Home  
  
  
    Scegliere lo spazzolino da denti
Cerca

Odontoiatria
 
Il tuo nome :
La tua mail * :
Nome del destinatario :
E-mail del destinatario * :
Messaggio :
*campo obbligatorio
Messaggio inviato

Spazzolino da denti: elettrico o manuale?

Il dubbio è di quelli “amletici”... Le possibilità di scelta sono molteplici. È migliore quello manuale o quello elettrico? Scopriamolo insieme!

Scegliere lo spazzolino da denti
© Getty Images

Lo spazzolino da denti è uno strumento, per l'igiene orale, che consente di rimuovere impurità, placca e residui di cibo, da denti e gengive. Gli spazzolini da denti, disponibili in diverse dimensioni e forme, sono offerti con consistenze variabili di setole. In genere sono realizzati con fibre sintetiche. Tuttavia quelli “naturali” sono molto diffusi. Gli spazzolini si dividono in due grandi “famiglie”: manuali ed elettrici. Scopriamo le differenze.

Spazzolini manuali

E’ il modello più comune e, senza dubbio, meno costoso. Gli spazzolini manuali di “alta qualità” possiedono, spesso, setole più morbide all'estremità, testa arrotondata, hanno, inoltre, un manico ergonomico che consente una guida più sicura e maneggevole. Questo perché alcune aree della bocca sono raggiungibili solo dalla “testa” dello spazzolino. Le setole, in materiale sintetico, sono disponibili in tre gradi di “durezza”: morbide, medie, dure. In genere, però, è preferibile utilizzare uno spazzolino da denti con setole medie. Gli spazzolini con setole rigide possono, infatti, danneggiare lo smalto ed irritare le gengive. Quelli con setole morbide, invece, possono non garantire una pulizia efficace. L'uso delle setole naturali è, ancora oggi, “in discussione”. Quando le setole si consumano oppure si piegano la testa dello spazzolino manuale dovrebbe essere sostituita. A tale scopo esistono spazzolini in cui la testa può essere rimossa e sostituita mantenendo il manico. In genere uno spazzolino da denti andrebbe cambiato, circa, ogni otto settimane.

Spazzolini elettrici

Uno spazzolino da denti elettrico è uno spazzolino che utilizza energia elettrica per spostare la testina in modo oscillante. Per questo, questi strumenti, vengono anche detti spazzolini da denti oscillanti. Quando hanno fatto la loro prima “comparsa” sul mercato, gli spazzolini elettrici, erano progettati per essere alimentati da una spina, da inserire in una presa a muro standard, e avviati, di conseguenza, su di una linea di alimentazione a corrente alternata. In seguito, però, questi modelli sono stati “soppiantati” da quelli alimentati a batterie. Oggi, infatti, la maggior parte degli spazzolini elettrici è “a batteria”.

Elettrici o manuali?

E’, in assoluto, la domanda più frequente posta agli odontoiatri. La risposta, in realtà, è una: non è lo spazzolino che fa la differenza ma il modo in cui si utilizza. La maggior parte degli spazzolini elettrici, infatti, non è più efficace dei “cugini” manuali. Le, uniche, eccezioni sono per i modelli “a rotazione ed oscillazione”. Tuttavia, anche, questi modelli risultano, solo, marginalmente migliori di un normale spazzolino manuale. Le ricerche effettuate indicano che il modo in cui viene eseguita la spazzolatura è di importanza superiore alla scelta dello spazzolino. Gli spazzolini da denti elettrici sono, invece, particolarmente utili per alcuni pazienti con capacità manuali limitate o dove esiste difficoltà nel raggiungere i denti posteriori. Queste constatazioni partono dal presupposto che chi utilizza uno spazzolino manuale si lavi i denti in maniera corretta e per un periodo, sufficientemente, lungo.

Quale è il modo corretto di lavare i denti?

Un’efficiente pulizia dei denti è indispensabile per la salute della nostra bocca. Il nemico “numero uno” dei denti è la placca - miscela di detriti alimentari, saliva secca e batteri - che si forma sui margini delle gengive provocando diverse “malattie”: carie, gengiviti, periodontiti.

  1. Con la punta delle setole inclinata a 45 gradi, rispetto al piano dei denti, spazzolate la linea gengivale con ampi movimenti.
  2. Tenendo le setole angolate, rispetto alla linea delle gengive, sfregate le superfici, esterna ed interna, dei denti superiori e inferiori.
  3. Non dimenticate di spazzolare le superfici masticanti dei quattro gruppi di premolari e molari. Cercate di pulire un dente alla volta.
  4. Ricordate di spazzolare le superfici interne dei denti anteriori. Tenete lo spazzolino quasi verticale ed eseguite un movimento verso l’alto e verso il basso.

Per una corretta igiene orale, questa operazione, dovrebbe essere eseguita dopo ogni pasto. Inoltre, per una pulizia accurata della bocca, bisognerebbe utilizzare, ogni giorno, il filo interdentale.

Insomma, elettrico o manuale, la scelta è vostra... Ma ricordate che per una bocca sana e un sorriso smagliante il segreto è... Spazzolare, spazzolare e ancora spazzolare!

Commenta
26/04/2012

Per saperne di più:


Newsletter

Test consigliato

Ischemia e ictus: sei a rischio?

Test salute

Quiz - Ictus e ischemia

BMI calcolo
Calcola la tua massa grassa
Calcola la tuo peso ideale