Home  
  
  
    Ipermetropia
Cerca

Oculistica
 
Il tuo nome :
La tua mail * :
Nome del destinatario :
E-mail del destinatario * :
Messaggio :
*campo obbligatorio
Messaggio inviato

Ipermetropia: come migliorare questo difetto visivo?

Circa un terzo delle persone che portano le lenti sono affette da ipermetropia. Che cos'è e come, se possibile, correggerlo.

Ipermetropia
© Getty Images

Che cosa si intende per ipermetropia?

Un vizio di rifrazione dovuto a una lunghezza inferiore alla norma del bulbo oculare, per cui le radiazioni luminose provenienti dall'esterno si riuniscono dietro alla retina anziché su di essa e si ha una visione più netta degli oggetti lontani rispetto a quelli vicini. Se l'ipermetropia è elevata anche la visione degli oggetti lontani risulta sfocata.

Qual è la sua incidenza?

Circa un terzo delle persone che portano le lenti correttive sono affette da ipermetropia.

Questo difetto è più frequente nei maschi che nelle femmine?

No, non si riscontrano sostanziali differenze fra gli uni e gli altri.

L'ipermetropia è ereditaria o ricorrente nell'ambito familiare?

No.

È possibile prevenirne l'insorgenza?

No.

L'ipermetropia può migliorare spontaneamente?

Nei bambini e nei ragazzi in via di sviluppo essa può ridursi spontaneamente; negli adulti no.

L'uso di lenti correttive appropriate può migliorare l'ipermetropia?

No, migliora soltanto la visione e riduce soprattutto l'affaticamento visivo dovuto al difetto refrattivo esistente.

A quale età un bambino ipermetrope può cominciare a portare lenti correttive?

Di solito a 2-3 anni, ma se è necessario anche prima.

Come può l'oculista accertare se un bambino in tenera età è affetto da ipermetropia?

Mediante retinoscopio o autorefrattometro.

1 Ipermetropia - continua ►

Commenta
04/05/2010

Per saperne di più:


Newsletter

Test consigliato

Ischemia e ictus: sei a rischio?

Test salute

Quiz - Ictus e ischemia

BMI calcolo
Calcola la tua massa grassa
Calcola la tuo peso ideale