Home  
  
  
    Traumi cranici
Cerca

Neurologia
 
Il tuo nome :
La tua mail * :
Nome del destinatario :
E-mail del destinatario * :
Messaggio :
*campo obbligatorio
Messaggio inviato

I traumi cranici

In base all'entità del coinvolgimento cerebrale, i traumi sono più o meno pericolosi. Alcuni sintomi, sindromi e trattamenti possibili.

Traumi cranici
© Getty Images

Tutti i traumi cranici sono gravi?

No, la loro severità dipende dall'entità del coinvolgimento cerebrale e questo, in generale, è tanto maggiore quanto più violento e lesivo è il trauma. Fortunatamente le ossa craniche garantiscono una buona protezione alla sostanza cerebrale, protetta anche dal fatto di "galleggiare" nel liquido cefalorachidiano, come il feto nell'utero. Molti traumi danneggiano perciò soltanto i tessuti superficiali, risparmiando il cervello. I traumi più gravi, che causano fratture del cranio e aperture dell'involucro meningeo, possono provocare contusioni o lacerazioni della sostanza cerebrale e disturbi molto gravi.

Una lacerazione del cuoio capelluto è pericolosa?

Le ferite del cuoio capelluto appaiono spesso più serie di quello che realmente siano, a causa della loro tendenza a sanguinare molto. L'emorragia di solito cessa spontaneamente o dopo l'applicazione di borsa del ghiaccio e di un bendaggio compressivo, e la riduzione chirurgica della lesione è necessaria solo in caso di lacerazioni estese. I capelli attorno alla zona colpita vanno rasati e bisogna disinfettare la ferita prima di suturarla; è anche necessaria un'accurata ispezione per accertarsi che il trauma non abbia coinvolto le ossa craniche o il cervello.

Che significato ha la perdita di coscienza immediatamente dopo un trauma cranico?

La perdita di coscienza, anche di breve durata, dopo un trauma cranico, soprattutto se associata a perdita di memoria relativamente all'accaduto, rende opportuno approfondire gli accertamenti, anche in assenza di lesioni craniche evidenti. Una radiografia del cranio per escludere eventuali fratture e un EEG per verificare la normalità dell'attività cerebrale, sono in genere le indagini iniziali a cui ricorrere.

Che cos'è la commozione cerebrale?

Si definisce così la ripercussione a livello cerebrale di urti o movimenti di rimbalzo del cranio di una certa entità che, provocando un brusca oscillazione del cervello all'interno della scatola cranica, inducono stiramento delle membrane di rivestimento e produzione di un edema superficiale. Spesso tale condizione produce una transitoria perdita di coscienza al momento del trauma. Possono inoltre comparire sintomi quali cefalea, nausea e/o vomito, vertigini, a carattere transitorio.

Come si cura?

Dopo avere escluso altre possibili cause di perdita di coscienza post-traumatica, i sintomi della commozione cerebrale, se disturbanti, possono essere trattati con farmaci sintomatici (per esempio analgesici per la cefalea). Nelle forme più lievi, sono sufficienti l'osservazione clinica per 24-48 ore e l'astensione da attività faticose per un breve periodo.

1 Traumi cranici - continua ►

Commenta
04/05/2010

Per saperne di più:


Newsletter

Test consigliato

Ischemia e ictus: sei a rischio?

Test salute

Quiz - Ictus e ischemia

BMI calcolo
Calcola la tua massa grassa
Calcola la tuo peso ideale