Home  
  
  
  
    Come chiamare i soccorsi
Cerca

Incidenti
 
Il tuo nome :
La tua mail * :
Nome del destinatario :
E-mail del destinatario * :
Messaggio :
*campo obbligatorio
Messaggio inviato

Come chiamare i soccorsi

Salvaguardare le vittime aspettando l’arrivo dei soccorsi è la principale responsabilità del primo testimone. Tuttavia, quest’ultimo deve anche assicurarsi che i soccorsi siano stati allertati in modo corretto. Quali sono le informazioni obbligatorie da comunicare? Che numero chiamare?

Come chiamare i soccorsi
© Getty Images

I numeri di emergenza in Italia

Dare l’allarme è un’azione fondamentale. In caso di qualsiasi incidente, condiziona quel che ne sarà delle vittime. Se eseguita in modo corretto, consente l’invio e l’arrivo rapido dei mezzi di soccorso adatti sui luoghi dell’incidente.

In Italia esistono tre numeri di emergenza:

  • 118: il numero del Pronto Soccorso, che si occupa dell’insieme delle emergenze mediche;
  • 115: il numero dei Pompieri, che assicurano i primi soccorsi (in caso di incendio, di incidente stradale, ecc.);
  • 112: il numero unico di emergenza, che può essere digitato da telefoni fissi e cellulari e che consente di contattare il servizio di emergenza più vicino al luogo della chiamata.

Come reagire

Di fronte a qualsiasi incidente, è necessario dare l’allarme il più rapidamente possibile. Meglio utilizzare l’intermediario di un testimone, che chiamerà lui stesso i soccorsi.
L’allarme va dato dopo un rapido esame della situazione e dei feriti.
È indispensabile verificare insieme alla persona che chiama i soccorsi che il messaggio trasmesso sia completo. Ciò deve includere:

  • Il numero di telefono o della colonnina S.O.S. da cui si chiama;
  • L’ubicazione esatta dell’incidente (città, via, numero, oltre a tutte le altre informazioni necessarie che possano facilitare la localizzazione ai soccorsi);
  • La natura dell’incidente e degli eventuali e potenziali rischi (incendio, esplosione, ecc.);
  • Il numero delle persone coinvolte;
  • Le apparenti condizioni di ogni vittima;
  • I primi gesti eseguiti su ognuna delle vittime.

Una volta trasmesso il messaggio di allarme, non riattaccare e aspettare la conferma da parte dei soccorsi di aver ben ricevuto le indicazioni.

Chiarezza e semplicità quando avvisi i soccorsi

Mentre chiami i soccorsi, resta calmo. Rispondi alle domande che ti vengono rivolte: non è mai una perdita di tempo. Ogni qualvolta è possibile, inviare qualcuno per facilitare l’arrivo dei soccorsi, indicare loro l’accesso e guadagnare così del tempo prezioso.

Per saperne di più sulle chiamate ai soccorsi

La chiamata ai soccorsi tramite il 118, il 115 o il 112 è gratuita da telefoni fissi e cellulari.

Dalle colonnine S.O.S. in autostrada o nei luoghi pubblici: basta alzare la cornetta o premere sul pulsante di chiamata.

Commenta
10/12/2013

Per saperne di più:


Newsletter

Test consigliato

Ischemia e ictus: sei a rischio?

Test salute

Quiz - Ictus e ischemia

BMI calcolo
Calcola la tua massa grassa
Calcola la tuo peso ideale