Home  
  
  
  
    Avvelenamento da sostanze tossiche
Cerca

Avvelenamenti
 
Il tuo nome :
La tua mail * :
Nome del destinatario :
E-mail del destinatario * :
Messaggio :
*campo obbligatorio
Messaggio inviato

Avvelenamento da sostanze tossiche

Sostanze tossiche nocive possono provocare la morte per avvelenamento, ma semplici gesti possono salvare la vita del mal capitato.

Avvelenamento da sostanze tossiche
© Getty Images

Quali misure immediate è necessario adottare per la persona che ha ingerito una sostanza tossica?

E necessario provocare il più tempestivamente possibile lo svuotamento dello stomaco, costringendo l'infortunato a eliminare il contenuto dello stomaco.

In che modo si può provocare il vomito?

Facendo bere al paziente parecchi bicchieri di acqua saponata o salata, oppure una tazza di acqua in cui si sia sciolto un cucchiaino da tè di senape. Lo scopo può essere ottenuto anche stimolando la mucosa del faringe, operazione che tuttavia in una persona avvelenata non è agevole.

È opportuno provocare più volte lo svuotamento dello stomaco?

Sì; non appena il paziente ha vomitato per la prima volta, è bene ripetere il procedimento, in modo da stimolare ulteriormente una simile reazione. Più lo stomaco viene liberato da ogni residuo contenuto e meglio è.

Che cosa occorre fare, una volta che il paziente ha lo stomaco vuoto?

È bene somministrargli un antidoto contro l'avvelenamento; le sostanze più efficaci contro la quasi totalità dei veleni sono latte, albume d'uovo e tè forte: è quindi consigliabile somministrargli abbondanti quantità di latte o tè, oppure parecchi albumi. È opportuno ripetere l'operazione qualora il paziente riprenda a vomitare.

Può risultare dannosa la somministrazione di latte, tè o albume d'uovo come antidoto contro l'avvelenamento?

No; sebbene esistano in commercio, e si possano somministrare, preparati senza dubbio più efficaci e specifici contro talune sostanze tossiche, l'uso di questi antidoti "naturali", non può comunque arrecare alcun danno. Questi antidoti, fra l'altro, sono facilmente a portata di mano.

Quali altre misure occorre adottare contro l'avvelenamento provocato da ingestione di sostanze tossiche?

a) Nel caso il paziente abbia perduto coscienza o presenti difficoltà di respirazione, è necessario praticargli la respirazione artificiale e trasportarlo al più presto in ospedale;

b) è necessario sottoporre ad analisi chimica il contenuto dello stomaco, in modo da accertare l'esatta natura della sostanza tossica ingerita e poter conseguentemente decidere quale medicinale deve essere somministrato come antidoto specifico.

Quali sostanze tossiche provocano la paralisi degli organi respiratori?

Una delle cause più comuni di simili disturbi della respirazione è costituita dall'ingestione di una dose eccessiva di barbiturici (sonniferi): in tale eventualità, la respirazione artificiale rappresenta la misura più immediata da adottarsi.

Commenta
04/05/2010

Per saperne di più:


Newsletter

Test consigliato

Ischemia e ictus: sei a rischio?

Test salute

Quiz - Ictus e ischemia

BMI calcolo
Calcola la tua massa grassa
Calcola la tuo peso ideale