Home  
  
  
    Fototerapia
Cerca

Fisioterapia e riabilitazione
 
Il tuo nome :
La tua mail * :
Nome del destinatario :
E-mail del destinatario * :
Messaggio :
*campo obbligatorio
Messaggio inviato

Fototerapia: il beneficio dei raggi luminosi

La fototerapia impiega raggi luminosi nella cura di alcune patologie. Attenzione però al corretto uso dei raggi UV. Possono anche nuocere.

Fototerapia
© Getty Images

Che cosa si intende per "fototerapia"?

Un complesso di tecniche terapeutiche basate sull'impiego di raggi luminosi.

La fototerapia è di uso comune?

Sì, è usata con varie modalità, utilizzando le vecchie apparecchiature accanto alle più recenti e sofisticate, come quelle al laser.

Quali sono le tecniche principali?

Le più usate in fisiatria sono: l'attinoterapia, che impiega i raggi ultravioletti; l'elioterapia solare; il laser a raggi ultravioletti o a luce infrarossa. Di queste, la prima e l'ultima sono di dominio medico, mentre l'elioterapia solare, con la scomparsa dei sanatori antitubercolari nell'era antibiotica, è praticamente uscita dal campo medico. Ciò nonostante, la sua efficacia è ben nota a tutti, basti ricordare le conseguenze di un'esposizione indiscriminata alle potenti radiazioni solari (colpo di calore, ustioni, colpo di sole).

L'esposizione eccessiva al sole va quindi evitata?

Sì; come sempre la prudenza è consigliabile.

Vi sono segnali premonitori quando l'esposizione al sole sta diventando eccessiva?

Sì; si tratta di segnali che mettono in guardia dal prolungare l'esposizione al sole e sono costituiti dal bruciore della pelle, dal senso di stordimento e dall'irrequietezza che precedono l'aumento della temperatura corporea, e dalla febbre, sempre da evitare.

L'impiego di raggi ultravioletti a scopo abbronzante è meno pericoloso dell'esposizione al sole?

No, assolutamente. Benché gli UV di tipo A prodotti da lampade e tubi fluorescenti siano divenuti molto popolari per ottenere la "tintarella", tutti i medici sono concordi nel sottolineare alcuni gravi inconvenienti legati all'abbronzatura, sia essa ottenuta naturalmente sia artificialmente.

Quali sono i più importanti tra questi inconvenienti?

Innanzitutto la pelle invecchia in maniera proporzionale all'esposizione alle radiazioni (basta pensare al volto segnato dalle rughe dei marinai); oggi, inoltre, è noto che l'invecchiamento cellulare predispone all'insorgenza dei tumori.

Niente abbronzatura, quindi?

No, ciò che bisogna evitare nel modo più assoluto non è l'abbronzatura, bensì la ricerca esagerata e costante di tintarella a scopo puramente estetico, considerati i rischi che questo comporta.

1 Fototerapia - continua ►

Commenta
04/05/2010

Per saperne di più:


Newsletter

Test consigliato

Ischemia e ictus: sei a rischio?

Test salute

Quiz - Ictus e ischemia

BMI calcolo
Calcola la tua massa grassa
Calcola la tuo peso ideale