Home  
  
  
    La bilirubina: che cos’è?
Cerca

Esami di laboratorio
 
Il tuo nome :
La tua mail * :
Nome del destinatario :
E-mail del destinatario * :
Messaggio :
*campo obbligatorio
Messaggio inviato

La bilirubina: che cos’è?

La bilirubina è un pigmento di colore giallo-rossastro contenuto nella bile dell'uomo. Deriva dalla distruzione dei globuli rossi giunti al termine del loro ciclo vitale. Essa viene poi trasportata dal sangue, che la trasforma per renderla solubile in acqua. Scopriamo insieme in cosa consististono le analisi della bilirubina!

La bilirubina: che cos’è?
© Getty Images

Condizioni di prelievo

Prelievo del sangue venoso (in genere alla piega del gomito) con laccio emostatico lasciato il minor tempo possibile.
Il tubo di prelievo può contenere un anticoagulante.
Deve essere conservato lontano dalla luce prima del dosaggio.
Non è necessario che il paziente sia a digiuno.
All'occorrenza, segnalare eventuali trattamenti in corso, perché alcuni farmaci possono alterare i risultati. 

Interesse del dosaggio

La bilirubina è un pigmento presente nella bile e in scarsa quantità nel siero. Quando la bile si accumula (problema di eliminazione), si è in presenza di ittero. L'ittero è l'accumulo di bilirubina, quindi di bile a livello dei tessuti.
È possibile distinguere la bilirubina detta libera o indiretta, una sostanza tossica per il cervello. Tale sostanza rischia di accumularsi nel neonato quando il fegato non è ancora del tutto maturo: in questo caso si parla di ittero fisiologico del neonato. La bilirubina detta coniugata o diretta aumenta nelle colestasi. La bilirubina libera e la bilirubina coniugata formano la bilirubina totale. 

Valori nella norma

Bilirubina totale

Nascita:
1a settimana:
2a settimana:
3a settimana:
4a settimana:
>1 mese e adulto:

14 - 45 µmol/l
45 - 210 µmol/l
17 - 190 µmol/l
10 - 50 µmol/l
5 - 25 µmol/l
5 - 17 µmol/l

8 - 25 mg/l
25 - 120 mg/l
10 -110 mg/l
6 - 30 mg/l
3 - 15 mg/l
3 -10 mg/l

Bilirubina libera = indiretta

Adulto:

3 -12 µmol/l

2 - 7 mg/l

Bilirubina coniugata = diretta

Adulto:

2 - 5 µmol/l

1 -3 mg/l

Variazioni fisiologiche e patologiche

Valori più alti nell'uomo e nel neonato (vedere valori normali)
Gravidanza: diminuzione nel corso dei primi due trimestri. 

Aumento della bilirubina libera (= indiretta):

Anemie emolitiche (emolisi tossica, da farmaci, infettiva o parassitaria, emoglobinopatie, malattia di Minkowski-Chauffard, incidente trasfusionale).
Incompatibilità feto-materna
Problema di coniugazione della bilirubina: sindrome di Criggler Najjar, malattia di Gilbert, ittero del neonato. 

Aumento della bilirubina coniugata (= diretta):

Colestasi: epatiti virali, malattie epatiche, ostruzioni biliari (calcoli biliari, pancreatite, tumore del pancreas, infiammazione dei canali biliari, cisti del coledoco, tumore dell'albero biliare), assenza di dilatazione delle vie biliari (alcuni farmaci, linfoma, amilosio).
Malattie costituzionali (molto rare): sindrome di Dubin-Johnson, sindrome di Rotor. 

Farmaci che possono interferire nel dosaggio:

  • Aumento: diuretici, rifampicina
  • Diminuzione: fenobarbitale, fibrati, aspirina

Dr.ssa Marie-Françoise Odou

Commenta
16/05/2012

Per saperne di più:


Newsletter

Test consigliato

Ischemia e ictus: sei a rischio?

Test salute

Quiz - Ictus e ischemia

BMI calcolo
Calcola la tua massa grassa
Calcola la tuo peso ideale