Home  
  
  
    Fare del ciclo un alleato
Cerca

Le mestruazioni
 
Il tuo nome :
La tua mail * :
Nome del destinatario :
E-mail del destinatario * :
Messaggio :
*campo obbligatorio
Messaggio inviato

Conoscere il ciclo femminile per essere più felici

Tra le donne e il ciclo, c’è sempre stata un po’ di maretta. Nella nostra società dai ritmi sfrenati, ci farebbe piacere potercene liberare. E se ci mettessimo a pensarla diversamente? La specialista internazionale Miranda Gray cambia il nostro sguardo sul ciclo femminile. Per lei, è possibile farne un vero e proprio alleato! Conoscerlo al meglio potrebbe permetterci di sfruttare appieno il nostro potenziale...

Fare del ciclo un alleato
© Getty Images

"La natura della donna è ciclica", ricorda Miranda Gray: "i nostri pensieri, i nostri comportamenti, le nostre capacità fluttuano nel corso del mese, seguendo il nostro ciclo mestruale”. Secondo la specialista inglese, che ha fondato un movimento internazionale che riunisce più di 80000 donne nel mondo, una comprensione migliore del nostro ciclo e delle quattro fasi che lo costituiscono potrebbe portarci a una vita più felice. Non siamo più imprevedibili e instabili ma cicliche. È una rivoluzione!

Le 4 fasi del ciclo femminile

Secondo Miranda Gray, il nostro ciclo, poco conosciuto e visto solo come fonte di fastidi, si divide in 4 fasi distinte: dinamica, espressiva, creatrice e contemplativa. Ciascuna ci dà capacità particolari. “Più siamo in sintonia con il nostro ciclo e con l’energia corrispondente, più saremo felici”, afferma. Al contrario, subirlo o addirittura controllarlo può provocare molte tensioni. Secondo la specialista, “quando permettiamo a noi stesse di essere chi siamo davvero, sviluppiamo l’accettazione di sé e la valorizzazione di tutti i nostri aspetti”.

La fase contemplativa (dal 1° al 6° giorno): un periodo di pausa

"Durante questa fase, se facciamo attenzione alla nostra energia, possiamo notare che la nostra resistenza fisica è minore, e abbiamo maggiormente bisogno di dormire”, indica Miranda Gray. E bisogna ammettere che durante le mestruazioni, a volte il minimo gesto richiede uno sforzo sovraumano.

È il momento migliore per rallentare, prendersi cura di sé e lasciare il tempo al corpo di riposarsi, di rinnovarsi, di abbandonarsi ai sogni... Il consiglio della specialista: “Dobbiamo accettare l’idea di non poter sostenere il ritmo del mondo per alcuni giorni, e fare una pausa”. La nostra coscienza si ripiega su se stessa, siamo più in contatto con l’inconscio... Nelle tribù amerindie, le donne “in luna rossa” (termine per definire le mestruazioni) meditavano insieme per ricevere delle visioni per il clan.

È un periodo di abbandono e di connessione con se stesse.

In pratica: lasciati trasportare e rifletti ai tuoi progetti e ai tuoi problemi. Fidati di te stessa e delle decisioni che prendi spontaneamente per rinnovarti durante questa pausa.

La fase dinamica (dal 7° al 13° giorno del ciclo): un periodo produttivo

"Alla fine delle mestruazioni, possiamo provare una nuova energia, fisica come mentale”, osserva Miranda Gray. Grazie alla ritrovata vivacità intellettuale, siamo di nuovo capaci di fare scelte logiche, obiettive e razionali. Il mondo ci appartiene nuovamente, e abbiamo bisogno di agire e ottenere risultati.

Proviamo una profonda fiducia in noi stesse e molta indipendenza, il tutto accompagnato da un’energia fisica e una chiarezza mentale che ci dà modo di agire. Per la specialista, “è il momento ideale per nuovi progetti, nuove azioni, e tanti cambiamenti sul piano professionale o personale”.

È la fase più produttiva di tutto il ciclo, quella che più può avere ripercussioni sul nostro futuro, portando con sé successo e obiettivi raggiunti. Diventiamo di nuovo razionali, strutturate e rivolte verso il mondo circostante. Oltre ad essere ottimiste riguardo al futuro, siamo naturalmente convinte delle nostre capacità di avere successo.

In pratica: fai chiarezza sui tuoi obiettivi e programmi a lungo termine. Impara le competenze che ti mancano e i nuovi metodi che ti permetteranno di realizzare i tuoi obiettivi.

La fase espressiva (dal 14° al 20° giorno del ciclo): un periodo di relazioni

"Anche se l’ovulazione è spesso difficile da identificare, vari cambiamenti fisici accompagnano la liberazione dell’ovulo”, precisa Miranda Gray. Con l’ovulazione, legata alla maternità, le nostre capacità relazionali si attivano. Questa fase viene accompagnata generalmente da un umore allegro ed espressivo. Diventiamo più tolleranti, più aperte agli altri, abbiamo voglia di creare legami con gli altri e di aiutarli. Le nostre relazioni d’amore o d’amicizia diventano più importanti. La nostra esperta aggiunge: “è una fase che coinvolge i sentimenti di connessione con il prossimo”.

La cosa maggiormente ricercata è l’equilibrio relazionale. Il nostro atteggiamento aperto e la capacità di ascoltare e comunicare sono al massimo. La famiglia, l’amicizia, l’amore e lo spirito di squadra sono centrali in questa fase. Diventiamo naturalmente diplomatiche, capaci di fare compromessi, di stringere accordi e di sviluppare il nostro network.

In pratica: cerca l’armonia nelle tue relazioni d’amore e d’amicizia, prenditi cura della tua famiglia e costruisci progetti di gruppo piuttosto che individuali.

La fase creativa (dal 21° al 28° giorno): liberarsi dalle cariche emotive negative

"La fase premestruale è quella più difficile per molte di noi!", ammette Miranda Gray. Possiamo provare un aumento delle tensioni fisiche, della frustrazione, dell’aggressività, unite a una sensibilità estrema. Conosciamo tutte gli sbalzi d’umore e di emozioni che vi sono associati. Siamo agitate e suscettibili.

Questa fase è ricca di emozioni, generalmente provocate da ricordi,dalla nostra programmazione mentale e da alcuni schemi inconsci, che dovremmo rivedere. È possibile sfruttare questa fase a nostro vantaggio, per la specialista. “Siamo a stretto contatto con i nostri pensieri emotivi: può essere l’occasione giusta per liberarsi di quei pensieri diventati troppo ingombranti”. Inoltre, questa fase può essere accompagnata dal bisogno di pulire, di selezionare, di mettere a posto, di sbarazzarsi di tante cose diventate inutili.

In questi giorni, possiamo concentrarci al contempo su quello che non vogliamo più e su quello che vogliamo. È il momento ideale per “creare” la nostra vita, come si dice nello sviluppo personale. Qual è la vita che vuoi davvero? Puoi procedere annotandoti tutte le affermazioni positive che ti vengono in mente. Dando queste informazioni al cervello, gli permettiamo di identificare le opportunità e di coglierle.

In pratica: impegnati a utilizzare questa fase come un momento di crescita e di evoluzione emotiva positiva.

Accetta il fatto che le tue emozioni e i tuoi pensieri siano i messaggi del tuo inconscio e non la realtà.

Catherine Maillard

Fonte:

- The Optimized Woman, Miranda Gray.

Commenta
28/01/2016

Per saperne di più:


Newsletter

Test consigliato

Ischemia e ictus: sei a rischio?

Test salute

Quiz - Ictus e ischemia

BMI calcolo
Calcola la tua massa grassa
Calcola la tuo peso ideale