Home  
  
  
    La menopausa: che cos'è?
Cerca

La menopausa
 
Il tuo nome :
La tua mail * :
Nome del destinatario :
E-mail del destinatario * :
Messaggio :
*campo obbligatorio
Messaggio inviato

La menopausa: che cos'è?

Non è una malattia, ma un momento di passaggio comune a tutte le donne e del tutto naturale. Eppure è un periodo delicato, che può creare qualche disagio nella vita di tutti i giorni e avere alcune conseguenze sulla salute cui fare attenzione. Ecco alcune informazioni che possono aiutare a viverla con serenità.

La menopausa: che cos'è?
© Getty Images

Menopausa, questa sconosciuta

La menopausa è una fase normale della vita di ogni donna, non andrebbe quindi vissuta come una malattia, eppure in alcuni casi si accompagna a disturbi fastidiosi se non a manifestazioni patologiche vere e proprie che la possono far apparire come tale, forse anche a causa di una scarsa informazione in proposito e del retaggio di convinzioni ormai superate. Per chiarirci le idee ne abbiamo parlato con il dottor Carlo Maria Stigliano, direttore dell’Unità operativa complessa di Ginecologia preventiva e consultori familiari dell’azienda sanitaria provinciale di Cosenza e segretario amministrativo nazionale della Aogoi, Associazione ostetrici ginecologi ospedalieri italiani.

Doctissimo: Dottor Stigliano, cos’è la menopausa?

Menopausa significa “mancanza di mestruazioni”, corrisponde quindi con la fine dell’ovulazione mensile e delle mestruazioni.


Quali segnali possono far capire a una donna che si sta avvicinando alla menopausa?

La menopausa inizia classicamente con qualche salto di ciclo mestruale, improvvise vampate di calore che interessano soprattutto il viso, ma non solo, e poi va avanti con tutta una serie di disagi che possono o meno essere presenti, ma che in genere annoverano insonnia, senso di insoddisfazione per la propria immagine, diminuzione dell’autostima, stato di ansia, diminuzione del desiderio sessuale e irritabilità.

Si tratta quindi di disagi che iniziano a manifestarsi prima dell’arrivo della menopausa?

Sì, in genere iniziano a manifestarsi prima della menopausa, in un periodo che viene chiamato climaterio, che può avere una durata variabile all’incirca tra i sei mesi e i due anni e che, vorrei sottolineare, viene vissuto diversamente da ciascuna donna. Il consiglio è quello di rivolgersi al proprio ginecologo sentendosi libere di discutere dei propri disagi ed eventuali dubbi, perché c’è molto che si può fare per vivere meglio questo momento.

Qual è la causa di questi disagi?

Tutto è riconducibile agli squilibri ormonali che precedono la menopausa, causata da un calo molto importante degli ormoni femminili.

Quindi una volta arrivati alla menopausa i disagi si riducono?

Sì, i disagi sono generalmente legati soprattutto al momento di passaggio, anche se come anticipavo non tutte le donne sono uguali. Comunque una volta raggiunta una menopausa consolidata e poi quella che noi medici chiamiamo post-menopausa, vanno scomparendo i disagi legati agli squilibri ormonali. A quel punto bisogna però fare i conti con le conseguenze della carenza di estrogeni che, potremmo dire, provoca una sorta di invecchiamento generale.

Esiste un esame che può confermare la prossimità della menopausa o meno?

Sì, l’esame caratteristico in questa fase è il dosaggio dell’FSH o ormone follicolostimolante, che aumenta molto in prossimità della menopausa, soprattutto quando la carenza di estrogeni diventa rilevante. Il motivo è molto semplice: alla base del nostro cervello si trova l’ipofisi, una ghiandola che produce i principali ormoni che hanno il compito di regolare il funzionamento delle altre ghiandole del nostro organismo, tra cui la tiroide, le ghiandole surrenali e anche le ovaie. Nel momento in cui le ovaie non producono più follicoli, cioè non ovulano più, l’ipofisi incrementa la produzione di FSH nel tentativo di rimediare a questa mancanza. Tentativo che può ottenere qualche risultato nel periodo del climaterio quando, seppure irregolari, capita ancora di avere le mestruazioni, ma che ovviamente si rivela inutile una volta raggiunta la menopausa.

Qual è l’età in cui generalmente si arriva alla menopausa?

In Italia l’età media è di 51 anni e mezzo, c’è però una grande variabilità da donna a donna.

Quando si parla di menopausa precoce?

C’è una piccola percentuale di donne che va in menopausa molto prima dei cinquant’anni, generalmente si definisce menopausa precoce quella che si manifesta prima dei quarant’anni di età. Sappiamo che in genere c’è familiarità tra madre, figlia e nipote per quanto riguarda l’età in cui si entra in menopausa, ma purtroppo ad oggi non c’è nulla che si possa fare per ritardarla.

Cecilia Lulli

Scritto da

Commenta
01/12/2010

Per saperne di più:


Newsletter

Test consigliato

Ischemia e ictus: sei a rischio?

Test salute

Quiz - Ictus e ischemia

BMI calcolo
Calcola la tua massa grassa
Calcola la tuo peso ideale