Home  
  
  
    La candida maschile
Cerca

La candida
 
Il tuo nome :
La tua mail * :
Nome del destinatario :
E-mail del destinatario * :
Messaggio :
*campo obbligatorio
Messaggio inviato

Candida: non trasmetterla al tuo lui

La candida come patologia è associata soprattutto alle donne, eppure colpisce anche il genere maschile. Che sia asintomatica o dia specifici sintomi, è importante diagnosticare e curare la candida nell’uomo, sia per la salute del soggetto che per evitare contagi con eventuali partner sessuali. Doctissimo ti svela le cause, i sintomi e le cure per la candida nell’uomo, per una vita sessuale sana e serena.

La candida maschile
© Getty Images

Le cause della candida maschile

Nell’uomo, come nella donna, le candida si manifesta quando l’organismo è debole a causa di altre patologie, come l’Aids, o dello stress. Anche l’assunzione di alcuni farmaci possono favorire l’insorgenza della candida. Tra questi l’antibiotico, che provoca un’alterazione dei batteri buoni del corpo umano, e i cortisonici, che abbassano le difese immunitarie.

Soffrire di diabete aumenta le possibilità che la candida si manifesti perché influisce sulla quantità di zuccheri nel sangue, cosa gradita al batterio della candida. Per la stessa ragione un’alimentazione ricca di dolci e di zuccheri favorisce la comparsa di questa patologia. Come tutte le infezioni, una cattiva igiene personale è il migliore alleato del batterio della candida. Soprattutto negli uomini non circoncisi, infatti, a volte non si lava correttamente l’area coperta dal prepuzio.

La causa più frequente della candida nell’uomo, però, resta il contagio dovuto a rapporti sessuali non protetti con una donna infetta. Pensare solo ai rapporti occasionali sarebbe un errore, visto che, spesso, proprio nelle coppie accade che l’infezione della candida rimbalzi da un partner all’altro in un circolo vizioso a cui bisogna porre termine con un’adeguata terapia in coppia.

I sintomi della candida nell'uomo

A differenza dei sintomi femminili, i sintomi della candida maschile che si riscontrano con maggiore frequenza sono bruciore o prurito al pene, che a volte può ricoprirsi di puntini rossi. In alcuni casi, invece, l’eritema può manifestarsi con la comparsa di macchioline bianche o con la desquamazione della pelle del glande. Il bruciore può anche comparire solo durante la minzione o i rapporti sessuali, rendendoli anche molto dolorosi. Tra i sintomi della candida nell’uomo non manca anche il gonfiore al pene, non piacevole come alcuni uomini avrebbero potuto immaginare pensando a un ingrossamento delle proprie misure.

Più frequente, però, è l’assenza di sintomi nell’uomo affetto da candida, il che non significa che non sia infetto e che non possa trasmetterla durante rapporti sessuali non protetti. Se si ha una partner fissa che presenta continue recidive della candida, è bene fare un controllo anche sull’uomo per stabilire col proprio medico una terapia per entrambi, evitando nel mentre i rapporti senza preservativo.

Curarsi è importante non solo per la partner, ma anche per evitare complicanze come la balanite, un’infiammazione del glande, o la balanopostite, quando l’infiammazione si estende anche al prepuzio. In entrambi i casi si hanno perdite di siero e presenza di pustole, fenomeni spiacevoli ed evitabili con la giusta terapia.

Come si cura la candida nell'uomo: creme e cure naturali

Le cure per la candida nell’uomo sono basate su antimicotici in crema da applicare sul pene, come il clotrimazolo o il fluconazolo. Nei casi più gravi, il medico può preferire una terapia antimicotica per via orale. Per chi preferisce le cure naturali può applicare sull’area interessata dell’aloe vera, che aiuta a calmare il prurito, e del tea tree oil, ricavato dalla melaleuca alternifolia, da usare sia assoluto mettendo alcune gocce su un batuffolo di cotone, che diluito nell’acqua per gli sciacqui.

Lo yogurt in caso di candida è un alleato prezioso, sia nell’alimentazione, col suo potere di ristabilire una corretta flora batterica, che se applicato sulla parte affetta da candida. Lo yogurt, infatti, aiuta a lenire i fastidi, come bruciore e prurito, e allo stesso tempo pare eserciti una funzione fungicida.

La migliore cura per la candida resta sempre la prevenzione. Oltre una corretta alimentazione, povera di zuccheri e ricca di fibre, è bene curare l’igiene personale, lavandosi accuratamente ed evitando i rapporti non protetti anche all’interno di una coppia consolidata, elemento che potrebbe scaturire anche l'herpes genitale. Da preferire è la biancheria in cotone, che garantisce una migliore traspirazione ed evita il formarsi di un ambiente caldo umido che favorisce l’insorgenza della candida. Piccole attenzioni che possono salvare da grandi fastidi.

Giuditta Danzi

Scritto da

Commenta
26/06/2014

Per saperne di più:


Newsletter

Test consigliato

Ischemia e ictus: sei a rischio?

Test salute

Quiz - Ictus e ischemia

BMI calcolo
Calcola la tua massa grassa
Calcola la tuo peso ideale