Home  
  
  
    Cancro al collo dell'utero: la diagnosi
Cerca

Il cancro al collo dell'utero
 
Il tuo nome :
La tua mail * :
Nome del destinatario :
E-mail del destinatario * :
Messaggio :
*campo obbligatorio
Messaggio inviato

La diagnosi del cancro al collo dell'utero

Il cancro del collo dell’utero si sviluppa da lesioni precancerose causate dalla persistenza dell’infezione da papilloma virus. Il cancro ha un’evoluzione lenta, ma la determinazione della sua estensione e della sua malignità incideranno sulla scelta del trattamento. Scopri quali sono gli esami diagnostici.

Cancro al collo dell'utero: la diagnosi
© Getty Images

La maggior parte dei casi di cancro del collo dell’utero è dovuta all’infezione causata dai papilloma virus. Nella maggior parte dei casi l’organismo riesce a eliminare spontaneamente questo virus; altre volte, invece, l’infezione persiste e provoca lesioni a livello del collo dell’utero. Queste cellule subiscono, quindi, dei cambiamenti morfologici che spesso vengono rilevati solo in modo fortuito effettuando un pap-test.

Quando il pap-test desta sospetti

I pap-test consistono nel prelievo di cellule tramite un piccolo spazzolino adattato alle dimensioni e all’aspetto del collo dell’utero. Le cellule prelevate vengono successivamente strisciate e fissate su un vetrino che viene inviato al laboratorio per l’analisi al microscopio. Analizzando le cellule è possibile dedurre se il collo dell’utero è normale, se sono presenti un’infezione o delle anomalie che possono corrispondere a lesioni precancerose o che facciano pensare a un cancro del collo dell’utero.

Se il pap-test evidenzia cambiamenti minori e non ben definiti, si parla di pap-test ASCUS (pap-test equivoco). Questi pap-test anomali destano preoccupazione nella paziente e in questo caso un test HPV (test virale) permette di effettuare una cernita molto accurata rilevando la presenza del papilloma virus a rischio (questi virus non hanno tutti il medesimo potenziale cancerogeno). Si stima che il 97% delle anomalie sparisca per conto proprio se il test HPV è negativo. Al contrario, se viene rilevato il papilloma virus a rischio, questi cambiamenti sono paragonati a una lesione precancerosa. La paziente viene quindi sottoposta a una colposcopia e a biopsia.

Colposcopia e biopsia

Nel caso in cui un pap-test risulti anomalo, ulteriori analisi permettono di confermare la diagnosi ed eventualmente di determinare lo stadio e il grado di malignità del cancro.

La colposcopia viene eseguita allo scopo di visualizzare meglio le lesioni che possono poi essere prelevate (biopsia). In pratica, il medico inserisce uno specolo nella vagina per dilatarne le pareti e vi inserisce un colposcopio, una sorta di lente di ingrandimento con una luce all’estremità. Un liquido permetterà di visualizzare meglio le zone anomale.

La biopsia consiste, quindi, nel prelievo delle cellule per esaminarle al microscopio e determinarne la velocità di moltiplicazione. Il prelievo può essere effettuato durante la colposcopia tramite una pinza per biopsia o di una curette (raschiamento endocervicale che può richiedere l’uso di un anestetizzante locale). Infine, la biopsia conica o conizzazione è indicata quando il medico vuole ottenere campioni degli strati più profondi del collo dell’utero. Questo prelievo, che richiede l’anestesia generale, viene effettuato con uno scalpello chirurgico, un laser o un filo metallico Una volta effettuato l’esame è necessario evitare di avere rapporti sessuali o di introdurre, per esempio, assorbenti interni nella vagina per diverse settimane.

Gli esami di diagnostica per immagini (ecografia, risonanza magnetica…) potranno essere prescritti per valutare meglio la possibile estensione del tumore.

Una volta ottenuti i risultati di questi esami, la determinazione dello stadio del cancro (dallo stadio I – limitato al collo dell’utero – allo stadio IV - cancro che comincia a penetrare negli organi vicini) influirà sulla scelta del trattamento.

David Bême

Commenta
28/02/2013

Per saperne di più:


Newsletter

Test consigliato

Ischemia e ictus: sei a rischio?

Test salute

Quiz - Ictus e ischemia

BMI calcolo
Calcola la tua massa grassa
Calcola la tuo peso ideale