Home  
  
  
    La tosse acuta
Cerca

La tosse
 
Il tuo nome :
La tua mail * :
Nome del destinatario :
E-mail del destinatario * :
Messaggio :
*campo obbligatorio
Messaggio inviato

La tosse acuta

Grassa, secca, acuta o cronica, la tosse è un sintomo molto frequente per il quale ci si rivolge al medico in un caso su dieci; ma è necessario fare una distinzione tra tosse acuta e tosse cronica. Cos’è la tosse acuta? Può essere sintomo di quali malattie? Le risposte di Doctissimo.

La tosse acuta
© Getty Images

La tosse acuta ha una durata di almeno 7 giorni ed è causata principalmente dalle infezioni virali. Altre cause sono le sinusiti e la broncopneumopatia cronica ostruttiva (BPCO), seguite da altre patologie meno frequenti.

La tosse e le infezioni virali

Le infezioni virali del sistema respiratorio sono la causa più frequente della tosse acuta. Una tosse secca, irritante, sporadica può essere sintomo di una banale bronchite acuta che presto evolverà in tosse grassa, accompagnata o meno da febbre e da espettorazioni. Le rinofaringiti, molto frequenti nei bambini, sono caratterizzate da una tosse più o meno forte che si manifesta soprattutto di notte o perlomeno quando si assume una posizione supina, congestione nasale e febbre. Un'altra causa frequente della tosse acuta è la bronchiolite, un’infezione acuta dei polmoni di origine virale che colpisce soprattutto i neonati e i bambini. La bronchiolite può inizialmente manifestarsi come una semplice rinite virale. Compaiono in seguito episodi di tosse secca che diventa progressivamente più grassa e si aggrava, provocando congestione nasale e difficoltà respiratorie. Il bambino presenta una respirazione sibilante. La durata dei sintomi non supera generalmente i 7-10 giorni. Le infezioni otorinolaringoiatriche (ORL), per esempio angina e faringite, possono manifestarsi in concomitanza con la tosse. In tutti questi casi, i sintomi hanno generalmente una durata massima di 7-10 giorni.

Le cause della tosse acuta

Le sinusiti, le riniti allergiche e la broncopneumopatia cronica ostruttiva (BPCO) possono anch’esse provocare una tosse acuta. La sinusite è un’infiammazione della mucosa dei seni paranasali dovuta a infezioni virali, a batteri e micosi o a reazioni allergiche. I sintomi? Dolore al viso, una sensazione di pressione nei seni nasali, secrezioni nasali e una tosse grassa causata dalle secrezioni che scendono dal naso alla gola. Altro responsabile della tosse acuta, la rinite allergica. Spesso chiamata ”febbre da fieno”, la rinite allergica si manifesta periodicamente, soprattutto in primavera e in estate, con la fioritura delle piante allergeniche. Naso che prude e che cola, starnuti, irritazione oculare e tosse secca la caratterizzano. Gli episodi acuti di BPCO (esacerbazione) sono accompagnati da tosse acuta. Queste esacerbazioni, spesso ascrivibili a infezioni, si manifestano con un peggioramento della tosse, un aumento delle espettorazioni gialle o verdastre e da un aggravamento della dispnea. Infine, in caso di tosse acuta, è bene sospettare una pertosse, malattia infettiva molto contagiosa causata dal battere Bordetella pertussis. Questa malattia è caratterizzata da una tosse grave e da difficoltà respiratorie.

Le cause meno frequenti della tosse acuta

Segnaliamo alcune cause meno frequenti della tosse acuta: l’asma, una pneumopatia, un’embolia polmonare… L'asma nell'adulto può portare a manifestazioni respiratorie acute, dette anche episodi acuti o crisi asmatiche. Nel caso dell’asma acuta, la crisi asmatica è talvolta preceduta da segni quali tosse, pizzicore a livello della laringe o crisi di rinite. Le pneumopatie acute nella maggior parte dei casi hanno origine batterica. Sono caratterizzate da una tosse dolorosa associata a un dolore toracico acuto, simile a una fitta al fianco. Questo dolore si intensifica con la respirazione ed è associato a un’alterazione dello stato generale di salute e a febbre.

La tosse, inoltre, può indicare un'embolia polmonare, vale a dire l’ostruzione acuta di un'arteria polmonare. Le piccole embolie polmonari possono provocare una tosse temporanea e passare del tutto inosservate. Non è raro però che queste siano un segno precursore di un'embolia polmonare grave che può mettere in pericolo di vita.

Anne-Sophie Glover-Bondeau

Commenta
04/04/2013

Per saperne di più:


Newsletter

Test consigliato

Ischemia e ictus: sei a rischio?

Test salute

Quiz - Ictus e ischemia

BMI calcolo
Calcola la tua massa grassa
Calcola la tuo peso ideale