Home  
  
  
    La prima volta: proteggiti dalle MST
Cerca

AIDS e malattie sessualmente trasmissibili
 
Il tuo nome :
La tua mail * :
Nome del destinatario :
E-mail del destinatario * :
Messaggio :
*campo obbligatorio
Messaggio inviato

La prima volta: proteggiti dalle MST

In estate si riscontra un maggior numero di rapporti sessuali, anche tra i giovanissimi, che con la bella stagione e privi di impegni scolastici si trovano a sperimentare i piaceri del sesso nonostante la poca esperienza in materia. Quali sono le precauzioni da adottare? Cosa c’è da sapere sulle MST?

La prima volta: proteggiti dalle MST
© Getty Images

MST e prima volta

Le scuole sono finite, le fatiche dell’anno scolastico sono un lontano ricordo le calde giornate rilassanti stimolano la ricerca di sensazioni piacevoli e appaganti. In primavera sbocciano gli amori, in estate le passioni: gli adulti sono disinibiti e i giovani seguono a ruota quell’istinto che spesso fa confondere la passione con l’amore. Non a caso, in estate esplodono i casi di MST, causa la mancanza di attenzione con cui ci si avvicina ad alcuni momenti intimi.

I giovani sono i più colpiti da questo fenomeno per colpa dell’inesperienza e della poca informazione: AIDS, sifilide, herpes simplex genitalis, gonorrea, chlamydia, ureaplasma urealyticum, trichomonas, candida e papilloma virus sono alcune delle malattie che si corre il rischio di contrarre se non vengono usate le giuste precauzioni durante i rapporti sessuali.

Molti sono ancora i ragazzi alle prime armi che ignorano che l’uso del preservativo non scongiura solo le gravidanze indesiderate ma li protegge da malattie spesso pericolose: batteri, virus, funghi e parassiti possono compromettere la salute dei soggetti e portare a sterilità in età adulta, rischio che si può evitare utilizzando le più comuni norme igieniche di cui si parla ormai da tempo. Le statistiche mostrano la giovane età degli interessati: la metà dei giovani ha avuto già un rapporto intimo tra i 15 e i 18 anni. Il 20% non ha utilizzato alcun tipo di protezione e un altro 20% ha praticato semplicemente il coito interrotto, che non protegge né dalle gravidanze indesiderate né dalle malattie sessualmente trasmissibili.

Le MST in estate

Le statistiche dicono che il 50% dei giovani italiani ha il primo rapporto proprio nella stagione estiva, cosa che fa lievitare del 30% le visite ginecologiche a settembre e ottobre; ad aggravare questi dati c’è il consumo di alcool e droghe che in estate conoscono un aumento importante proprio a causa di quel senso di libertà tipico del periodo di vacanza. Tre ragazzi su cinque dichiarano inoltre che in luglio e agosto prevedono di avere rapporti occasionali, mentre solo uno di questi tre ha intenzione di utilizzare delle precauzioni: ciò alza ancora di più la percentuale di diffusione delle MST in questo periodo dell’anno.  

Le MST più comuni

Sfortunatamente, alcune MST sono ancora molto diffuse tra la popolazione sessualmente attiva: un dato allarmante è rappresentato dalla diffusione della sifilide, in quanto ogni giorno in Italia viene diagnosticato un nuovo caso nei giovani fino ai 25 anni. Questa, riconoscibile da ulcerazioni della mucosa vaginale ed escoriazioni, facilita la trasmissione del virus dell’HIV e quindi dell’AIDS, mentre al secondo posto nella classifica delle più comuni troviamo le epatiti A, B e C, che colpiscono 2 milioni di persone e che ogni anno fanno migliaia di vittime.

Pur non essendo classificate esattamente come malattie sessualmente trasmissibili, sono annoverate tra i casi di morte più comune in quanto è proprio attraverso i rapporti intimi che si diffondono più velocemente. Troviamo poi l’herpes simplex genitalis, da non confondere con lo zoster (fuoco di Sant’Antonio), molto contagioso e per il quale non esiste una cura ma scompare da solo nel giro di qualche settimana.

La gonorrea si diffonde nel 15% della popolazione sessualmente attiva e può portare ad un’ulteriore infezione, la cistite. Anche se piuttosto pericolosa, è facilmente curabile attraverso la somministrazione di penicillina.

Sebbene sia raro che la popolazione giovane ne sia affetta, ogni MST può essere ricondotta alla Sindrome di Samo, malessere ancora poco conosciuto ma piuttosto diffuso e classificabile come disturbo psicologico che spinge il soggetto che ne è affetto (nella maggior parte dei casi adulto) a contrarre volontariamente malattie attraverso rapporti sessuali non protetti con soggetti malati.  

Il tasso di pericolosità delle MST

Quello che spesso si ignora è che le MST contratte nei momenti di intimità col partner possono non limitarsi a colpire gli organi genitali ma possono estendersi anche agli organi interni e provocare la morte dell’individuo. L’apparato riproduttivo femminile è più delicato di quello maschile ed è quindi più soggetto ad essere colpito da disturbi e malattie che possono trasmettersi anche al feto durante la gravidanza o l’allattamento.

È chiaro che sia uomini che donne devono proteggersi e prendersi cura della propria salute indipendentemente dal sesso: essere portatori sani non scongiura il rischio di trasmettere delle malattie pericolose al partner ed è importante che giovani e adulti si rendano conto dei rischi cui vanno incontro, soprattutto in estate.

A volte il preservativo può non bastare ed è necessario prendere delle precauzioni aggiuntive: nel caso dell’herpes genitale questo protegge solo in parte dal contagio ed è consigliabile astenersi dai rapporti sessuali fino alla completa guarigione delle vescicole che ne caratterizzano l’infezione.

La SIGO, Società italiana di ginecologia e ostetricia, ha promosso una campagna di sensibilizzazione sulla contraccezione e, di riflesso, sulla diffusione delle MST. Consigliamo a tutti di informarsi e di proteggersi durante tutto il l’anno per poter godere con serenità di quei momenti di intimità così preziosi per la vita di ognuno di noi.

Commenta
27/07/2011

Per saperne di più:


Newsletter

Test consigliato

Ischemia e ictus: sei a rischio?

Test salute

Quiz - Ictus e ischemia

BMI calcolo
Calcola la tua massa grassa
Calcola la tuo peso ideale