Home  
  
  
    MIND: La dieta anti-Alzheimer
Cerca

Il morbo di Alzheimer
 
Il tuo nome :
La tua mail * :
Nome del destinatario :
E-mail del destinatario * :
Messaggio :
*campo obbligatorio
Messaggio inviato

MIND: La dieta anti-Alzheimer che riduce il rischio del 50%

Il morbo di Alzheimer, patologia sempre più diffusa nella popolazione europea, che invecchia inesorabilmente, fa paura. Cosa di più spaventoso che perdere la propria personalità, i propri ricordi, i propri affetti? Oggi, tantissimi studi cercano gli elementi che potrebbero se non guarire, almeno diminuire le probabilità di sviluppare questa patologia neurovegetativa. Di recente, un’indagine comparsa nell’Alzheimer's & Dementia: The Journal of the Alzheimer's Association ha messo in evidenza il ruolo fondamentale giocato dalla dieta nello sviluppo di questa malattia.

MIND: La dieta anti-Alzheimer
© Getty Images

Salute e dieta mediterranea

Nei paesi mediterranei, si sa, si soffre meno di patologie cardiovascolari. Questo è legato in gran parte all’alimentazione, ricca di frutta, di verdura, di cereali e di olio d’oliva e povera di grassi animali: non per niente, la dieta mediterranea è riconosciuta dall’UNESCO come patrimonio culturale immateriale dell’umanità.  Ma anche l’Alzheimer è meno presente nei paesi mediterranei... O almeno lo era, visto che negli ultimi decenni l’alimentazione di questi paesi è cambiata, includendo in maniera sempre più frequente cibi grassi come fritti e fast food provenienti generalmente dagli Stati Uniti. 

Ma perché?

Responsabile di questo effetto benefico è la combinazione degli acidi grassi insaturi contenuti ad esempio nell’olio d’oliva, o nelle noci, e dei nitrati contenuti in verdure quali spinaci, sedano e carote. La combinazione di questi due elementi provoca una reazione chimica che a sua volta dà il via alla formazione di una nuova molecola, gli acidi grassi “nitro” che abbassano la pressione arteriosa.

Gli alimenti della dieta MIND

La dieta MIND prende spunto dalla dieta mediterranea e dalla dieta DASH (una dieta specifica contro l’ipertensione) dando origine a un regime alimentare sano e completo a base di frutta, verdura, carni bianche, pesce, noci, bacche, semi... da consumare quotidianamente, in proporzioni variabili. Le verdure e le noci vanno ingerite tutti i giorni, mentre le carni bianche e la frutta possono essere mangiate sono un paio di volte alla settimana. Tra le bacche, vengono raccomandate soprattutto le fragole e i mirtilli, che proteggono il cervello.

Gli alimenti da evitare nella dieta MIND

Oltre a questi alimenti di base, la dieta MIND elenca alcuni cibi da evitare, anche se non completamente. Carni rosse, grassi animali, fast food, fritti... sono alimenti non del tutto vietati ma da limitare il più possibile. Ad esempio, non bisogna superare un cucchiaio di burro al giorno.

L’efficacia della dieta MIND contro l’Alzheimer

Ma funziona? Ebbene sì, altroché! La dieta MIND ha un doppio vantaggio: il primo è di ridurre del 53% il rischio di sviluppare il morbo di Alzheimer se seguita alla lettera. Il secondo, ancora più interessante, è che anche se seguita non proprio alla lettera autorizzandosi alcuni sgarri questa dieta protegge comunque, anche se in maniera leggermente minore, dall’Alzheimer: infatti, chi l’applica un po’ meno rigorosamente corre comunque il 35% di rischi in meno di ammalarsi rispetto a chi non la segue per niente.

Vale la pena provare, no? 

 

Fonte: http://www.alzheimersanddementia.com/article/S1552-5260%2815%2900017-5/pdf pubblicato l’11 febbraio 2015

Commenta
26/03/2015

Per saperne di più:


Newsletter

Test consigliato

Ischemia e ictus: sei a rischio?

Test salute

Quiz - Ictus e ischemia

BMI calcolo
Calcola la tua massa grassa
Calcola la tuo peso ideale