Home  
  
  
    Allarme gastroenterite
Cerca

Mali di stagione
 
Il tuo nome :
La tua mail * :
Nome del destinatario :
E-mail del destinatario * :
Messaggio :
*campo obbligatorio
Messaggio inviato

Allarme gastroenterite

Diarrea, dolori di pancia, nausea...La gastroenterite si invita ogni anno in occasione delle festività. Ma cosa fare perché queste infezioni non rovinino la vostra stagione invernale? Doctissimo vi propone tutte le soluzioni.

Allarme gastroenterite
© Getty Images

Puntuale come l'arrivo di Babbo Natale, il virus della gastroenterite si invita durante le ultime settimane di dicembre e continua a infierire fino alla metà di gennaio. Per combattere questo sgradevole parassita, una è la soluzione: un'igiene impeccabile.

La gastroenterite in inverno

Come la maggior parte dei paesi europei, anche l'Italia è periodicamente vittima di un'epidemia invernale di gastroenteriti acute. Ogni inverno queste infezioni sono all'origine di oltre un milione di visite presso i servizi di medicina generale.
Come ogni anno, il picco è atteso per le prime due settimane di gennaio. Ma attenzione: queste infezioni possono rivelarsi pericolose per i soggetti più cagionevoli.

Un'infezione non sempre benigna

Nella maggior parte dei casi, la gastroenterite è causata da un virus: il rotavirus. Ma talvolta può anche trattarsi di batteri, ad esempio la salmonella. Provoca diarrea e vomito da 2 a 3 giorni nella maggior parte dei malati e risulta molto sgradevole, anche se priva di pericoli per gran parte delle persone. Altri disturbi associati sono mal di testa, indolenzimento, febbre e stanchezza.
Prestare comunque attenzione agli anziani e ai bambini più fragili. In questi soggetti, infatti, una sola giornata di diarrea può provocare forti disidratazioni. Ogni anno si contano circa 600 decessi causati da influenza intestinale, soprattutto in età estreme (sotto i 5 anni e oltre i 75).

Come combattere la gastroenterite?

La gastroenterite si prende mangiando alimenti contaminati o bevendo acqua sporca, ma anche attraverso il contatto diretto con i malati. Quindi, per evitare di essere infettati non esistono segreti. Occorre:

  • Prestare attenzione all'igiene delle mani e delle superfici. Lavarsi le mani con sapone quanto più spesso possibile e accuratamente, non scambiarsi bicchieri o posate quando si è a tavola
  • Attenzione alla preparazione dei cibi. Durante la preparazione dei pasti (in particolare quando si è in gruppo con altre persone), è necessario attenersi a severe regole igieniche (lavarsi le mani, indossare guanti monouso). Le persone malate non devono ovviamente partecipare alla preparazione dei cibi
  • Soluzioni per la reidratazione. Questi composti rappresentano la migliore forma di prevenzione dalle complicazioni causate dalla diarrea

Le persone già malate devo adottare tutte queste precauzioni. Una madre malata farà attenzione a lavarsi sistematicamente le mani prima di toccare i figli e di cucinare. Limiterà quindi il contatto allo stretto necessario. Per i neonati, al minimo dubbio che possa trattarsi di gastroenterite, andare di volata dal medico o al Pronto Soccorso. Per quanto riguarda i bambini e gli anziani, cercare di far bere una grande quantità di acqua o speciali soluzioni di reidratazione in vendita in farmacia. E se siete voi in prima persona a essere malati, neppure voi siete dispensati dal bere molta acqua. Tanto riposo e il tempo vi aiuteranno a superare questo piccolo malessere invernale.

David Bême
Anne Aurelia Epis de Fleurian

Commenta
11/01/2011

Per saperne di più:


Newsletter

Test consigliato

Ischemia e ictus: sei a rischio?

Test salute

Quiz - Ictus e ischemia

BMI calcolo
Calcola la tua massa grassa
Calcola la tuo peso ideale