Home  
  
  
    I sintomi delle malattie cardiache
Cerca

Le malattie cardiache
 
Il tuo nome :
La tua mail * :
Nome del destinatario :
E-mail del destinatario * :
Messaggio :
*campo obbligatorio
Messaggio inviato

Le principali malattie del cuore

Doctissimo con l’aiuto della dottoressa Donatella D’Angelo, specialista in Medicina Interna e Patologia Clinica, con indirizzo Immuno-Ematologico, spiega quali sono le malattie che possono coinvolgere il cuore, i sintomi e come prevenirle.

I sintomi delle malattie cardiache
© Getty Images

Quali sono le malattie del cuore?

Le malattie del muscolo cardiaco possono essere di due tipi: primitive e secondarie. Le malattie primitive sono quelle in cui è lo stesso muscolo cardiaco ad ammalarsi, senza altre cause esterne (idiopatiche) e non si conoscono i reali fattori che sono alla base del malfunzionamento. Tra questo tipo di malattie del muscolo cardiaco ci sono le cardiomiopatie familiari e la fibrosi endomiocardica, diffusa soprattutto nei paesi tropicali. Le malattie del muscolo cardiaco secondarie, invece, sono quelle di cui si conosce la causa. Tra queste ci sono sia malattie del miocardio di origine virale o batterica, sia quelle date da un abuso di sostanze tossiche, come l’alcool e alcuni farmaci. Sempre nelle secondarie ricadono anche i tumori del cuore, le malattie metaboliche e quelle neuromuscolari.

Le malattie del cuore congenite

Nel caso delle malattie congenite del muscolo cardiaco si nasce con un difetto fisico della struttura del cuore per cui la sua funzione è alterata. Si possono avere mancanze di parti del cuore o alterazioni nella struttura o nella loro collocazione. Un esempio è la Tetralogia di Fallot in cui si verificano 4 condizioni: difetto del setto interventricolare, aorta a metà nei due atri(aorta a cavaliere), restringimento sottovalvolare e valvolare polmonare, ingrossamento muscolare del ventricolo destro come conseguenza delle tre precedenti. Spesso l’unica soluzione nelle malattie congenite è la via chirurgica. L’importante è accorgersi in tempo della malformazione. Se nel bambino si riscontra una crescita più lenta, una difficoltà respiratoria o si nota facile affaticamento allora sarebbe bene portarlo da un cardiologo per un ecocardiogramma, così da essere sicuri che il suo cuore non abbia malformazioni. Oggi la diagnosi di questo tipo di malattie può essere fatta anche in utero, allo scopo di intervenire il più velocemente possibile ed evitare le complicanze di una malattia congenita del muscolo cardiaco.

I sintomi delle malattie del cuore

Come fare a capire se il muscolo cardiaco non sta funzionando come dovrebbe? Oltre al classico dolore al lato sinistro dello sterno, tra i sintomi più diffusi delle malattie del muscolo cardiaco ci sono le difficoltà di respirazione, che possono peggiorare quando si è distesi fino ad arrivare alla dispnea parossistica notturna, la quale causa, oltre alle difficoltà del respiro, anche tachicardia e tosse. Altri sintomi da non trascurare sono le palpitazioni, la sensazione costante di stanchezza e mancanza di forze nonché gli edemi periferici, ovvero l’accumulo di liquidi tra i tessuti con relativo gonfiore, soprattutto a mani e piedi, dove il sangue fatica ad arrivare.

Prevenire e curare le malattie del cuore

Nel caso delle malattie del muscolo cardiaco primarie, la prevenzione della patologia può basarsi solo su una dieta sana e povera di sale, accompagnata da uno stile di vita non troppo “faticoso”. La terapia, invece, è basata su anticoagulanti, per evitare la formazione di trombi, accompagnati da farmaci che aiutino a tenere sotto controllo la pressione arteriosa, come gli ace inibitori e i betabloccanti, utili anche contro le aritmie.

La miocardite

Diverso è se si tratta di miocardite. In questo caso a provocare la malattia del muscolo cardiaco è un agente esterno: virus, batteri, farmaci, diabete, eccesso d’alcool e alcune malattie che finiscono per coinvolgere il cuore, tra cui ad esempio reumatismo articolare acuto. La terapia è mirata ad eliminare le cause che hanno provocato la miocardite, ma se il muscolo cardiaco è stato danneggiato in maniera irreparabile, allora si è dilatato, non pompa più e non resta che ricorrere al trapianto di cuore.

Scopri come prevenire i problemi cardiovascolari con la nostra fotogallery: 16 consigli per proteggere il tuo cuore!

Giuditta Danzi

Scritto da

Commenta
03/03/2014

Per saperne di più:


Newsletter

Test consigliato

Ischemia e ictus: sei a rischio?

Test salute

Quiz - Ictus e ischemia

BMI calcolo
Calcola la tua massa grassa
Calcola la tuo peso ideale