Home  
  
  
    Il meccanismo dell'asma
Cerca

L'asma
 
Il tuo nome :
La tua mail * :
Nome del destinatario :
E-mail del destinatario * :
Messaggio :
*campo obbligatorio
Messaggio inviato

Il meccanismo dell'asma

Tosse, affanno, respiro sibilante, sensazione di oppressione… Se i sintomi dell'asma sono ben noti ai più, i fattori di comparsa della malattia e i meccanismi di scatenamento delle crisi sono meno conosciuti. Scopri i segreti dell'asma con Doctissimo.

Il meccanismo dell'asma
© Getty Images

L'asma in immagini. I principali fattori di comparsa dell'asma sono ereditari, allergici o infettivi. Un'infezione delle vie respiratorie renderà fragili i tessuti, favorendone così l'infiammazione. La malattia può manifestarsi per la prima volta a qualunque età e la sua evoluzione è variabile. 
I sintomi dell'asma variano da un paziente all'altro per intensità e ripercussioni. Se la malattia viene ben controllata, le manifestazioni sono assenti o minime. Tra una crisi e l'altra, il paziente conduce una vita normale. Al contrario, se l'asma è grave o curata in modo non sufficiente, i sintomi possono essere permanenti.

Meccanismo della crisi d'asma

In un individuo in buona salute, l'aria inspirata arriva nei bronchi, poi nei bronchioli e, infine, negli alveoli polmonari. È qui che avvengono gli scambi gassosi: l'ossigeno viene trasportato agli organi dal sangue, mentre l'anidride carbonica (scarti gassosi) compie il percorso inverso. Negli asmatici, vi sono dei fattori scatenanti che provocano un'"iperreattività bronchiale". Il polline, gli acari, i peli degli animali, lo stress, gli allergeni alimentari, l'inquinamento, il tabacco, lo sforzo fisico, le variazioni climatiche e le infezioni respiratorie possono costituire alcuni di questi fattori. Ma, a volte, il fattore scatenante della crisi rimane ignoto… Questa iperreattività si traduce in una contrazione dei bronchioli, che provoca così un restringimento del passaggio dell'aria. Inoltre, la parete interna dei bronchioli è soggetta ad infiammazioni che causano la produzione di muco. Tutte reazioni che provocano la crisi d'asma.

Asma: un disturbo cronico

L'infiammazione dei bronchi costituisce la base dell'asma. Questa malattia cronica necessita spesso di un trattamento quotidiano. I farmaci permettono, infatti, di migliorare la respirazione limitando l'infiammazione e l'ostruzione dei bronchi. Durante la crisi, l'inspirazione, ma soprattutto l'espirazione dell'aria presente all'interno dei polmoni, sono più difficoltose, come se l'aria circolasse dentro una cannuccia sottile. Il respiro diventa sibilante, accompagnato da affanno e talvolta da una sensazione di oppressione al petto. Per liberarsi i bronchi, il paziente si mette a dare colpi di tosse secca.
Una crisi d'asma è spesso preceduta da segnali indicatori, che sono diversi per ciascun asmatico. Tuttavia, raramente cambiano in una stessa persona. Da qui l'interesse di poterli identificare per prevenire la crisi.

Rinite allergica e asma

Quasi l'80% degli asmatici soffre di riniti allergiche e questo dato lascia pensare che i due disturbi siano collegati. In caso di rinite allergica, l'asma del paziente può aggravarsi o addirittura comparire, se ancora non si era sviluppata. Fra l'altro, più le riniti sono frequenti, più le crisi d'asma sono ripetute. 
Nella rinite, è la mucosa del naso a essere infiammata. Starnuti a ripetizione, naso che cola, perdita dell'odorato, lacrimazione e irritazione degli occhi sono i sintomi caratteristici della rinite allergica. Tali sintomi persistono per tutto il tempo in cui la persona è esposta al fattore scatenante o all'allergene. I responsabili sono spesso identici nel caso della rinite e dell'asma, entrambe malattie infiammatorie delle vie respiratorie. Il blocco dei fattori comuni dell'infiammazione (bronchiale o nasale) rappresenta quindi un trattamento efficace di questi disturbi associati.

Poiché esistono cure per l'asma e per la rinite allergica non esitare a parlarne con il tuo medico!

Axelle de Franssu

Commenta
07/12/2012

Per saperne di più:


Newsletter

Test consigliato

Ischemia e ictus: sei a rischio?

Test salute

Quiz - Ictus e ischemia

BMI calcolo
Calcola la tua massa grassa
Calcola la tuo peso ideale