Home  
  
  
    L'herpes labiale e le ripercussioni psicologiche
Cerca

L'herpes
 
Il tuo nome :
La tua mail * :
Nome del destinatario :
E-mail del destinatario * :
Messaggio :
*campo obbligatorio
Messaggio inviato

Non farti rovinare la vita dall'herpes

Sono circa 12 milioni gli italiani che soffrono di herpes. Secondo le stime, quasi l'80% della popolazione ha contratto il virus dell'herpes e il 20% ne viene colpito 2 o 3 volte l'anno. Benché le conseguenze mediche di questa affezione siano nella grande maggioranza dei casi benigne, le ripercussioni sul piano psicologico possono essere a tal punto significative da creare problemi nella vita sessuale, relazionale o professionale.

L'herpes labiale e le ripercussioni psicologiche
© Getty Images

L'herpes genera un senso di vergogna

L'herpes labiale, oltre a essere antiestetico ed estremamente fastidioso, produce spesso conseguenze non così trascurabili nella vita dei pazienti. "In ambito familiare, l'herpes labiale è il segno distintivo di una malattia. Nei rapporti sentimentali, questa lesione impedisce il bacio. Nelle relazioni sociali con le altre persone, l'herpes è fastidioso e lesivo della propria immagine. Da qui si comprende quanto possano essere estenuanti sul piano psicologico le continue recidive", spiega il Dr. Jean-Marc Bohbot, infettivologo presso l'Institut Fournier di Parigi.

L'herpes è ancora troppo spesso considerata una malattia disdicevole e sporca. Gli aggettivi più frequentemente utilizzati per qualificare l'herpes labiale sono piuttosto eloquenti: sporco, rivoltante, brutto. "Ho spesso la sensazione di essere trattato come un lebbroso", dichiara un giovane che racconta la sua esperienza in un forum di discussione. In una società in cui l'apparenza è importante, l'herpes può essere vissuto come una limitazione sociale a tutti gli effetti, che restringe le opportunità di successo in ambito relazionale. Spesso le persone affette da herpes tendono ad assumere un comportamento elusivo nei confronti di amici, conoscenti, familiari e del partner.

L'herpes causa la chiusura in se stessi

In alcuni pazienti, il disagio psicologico legato all'herpes si manifesta attraverso sentimenti di scontentezza (repulsione, rabbia, tensione) causati dalla sensazione di non essere in grado di gestire le situazioni di stress responsabili della comparsa dell'herpes. Il paziente avverte anche una sensazione di perdita di controllo, che costituisce un fattore di stress a tutti gli effetti, e una sofferenza interiore difficile da accettare da parte di chi gli sta accanto, che considera unicamente l'aspetto benigno della malattia.

Inoltre, questa affezione lascia emergere una sorta di "trasparenza": l'herpes, infatti, agisce come un vero e proprio "indicatore" di stress, di stanchezza o di squilibrio. La febbre del labbro lascia dunque trapelare uno stato interiore che si preferirebbe celare agli altri. Inoltre, l'herpes spinge anche a sopravvalutare gli sguardi e i giudizi negativi delle altre persone. "Dal momento in cui ci si sente stigmatizzati si tende ad amplificare il proprio sentito e, di conseguenza, anche la gravità dei giudizi da parte delle altre persone. Si pensa che la gente trovi l'herpes rivoltante, brutto e devalorizzante", spiega il Dr. Christophe André, psichiatra presso l'ospedale Sainte-Anne di Parigi. Lo specialista aggiunge che "nei casi estremi, alcuni pazienti arrivano anche a pensare che a causa dell'herpes le altre persone li apprezzeranno o li rispetteranno di meno".

Herpes: un disagio legato a una scarsa conoscenza della malattia

Più di metà delle persone colpite da herpes non si rivolgono al medico. I motivi: una scarsa conoscenza della malattia, la paura di essere giudicati, una mancanza totale di conoscenza dei trattamenti disponibili. Per coloro che non vogliono rinunciare alle relazioni sociali e a godersi la vita, esistono soluzioni che vanno dalle semplici norme igieniche alla prescrizione di farmaci. In presenza di crisi frequenti, il medico può proporre una cura preventiva allo scopo di ridurre la frequenza delle crisi.

Occorre inoltre sensibilizzare l'insieme della popolazione. Molti, infatti, hanno sentito parlare di herpes senza sapere esattamente di cosa si tratti. "Quando non si riesce a guarire da una malattia, è necessario tentare tutto il possibile per limitarne le conseguenze sull'individuo, sia dal punto di vista fisico sia psicologico. La divulgazione di informazioni sull'herpes oro-facciale a un sempre maggior numero di persone costituisce un elemento cruciale per il miglioramento della presa in carico di questa patologia", spiega il Dr. Jean-Marc Bohbot.

Solo la diffusione di informazioni pertinenti consentirà di ridimensionare queste infezioni tanto frequenti e di rendere più serena la vita delle persone che ne sono affette.

 

Anne-Sophie Glover-Bondeau


Fonti:

  • Interviste condotte per strada tra i passanti, realizzate a Parigi
  • Rassegna stampa 2007, GSK
  • Rassegna stampa in occasione della 7a giornata nazionale francese contro l'herpes, 21 novembre 2007
Commenta
03/04/2014

Per saperne di più:


Newsletter

Test consigliato

Ischemia e ictus: sei a rischio?

Test salute

Quiz - Ictus e ischemia

BMI calcolo
Calcola la tua massa grassa
Calcola la tuo peso ideale