Home  
  
  
    I vaccini contro la meningite
Cerca

La meningite
 
Il tuo nome :
La tua mail * :
Nome del destinatario :
E-mail del destinatario * :
Messaggio :
*campo obbligatorio
Messaggio inviato

I vaccini contro la meningite

La meningite è un’infezione che colpisce i tre foglietti, le meningi, che servono tra le altre cose proprio a proteggere il cervello. La meningite è causata per lo più da un virus o da un batterio e può avere conseguenze molto gravi, da danni neurologici permanenti alla morte del paziente. Fortunatamente sono stati messi a punto diversi vaccini per sconfiggere questa malattia non così diffusa ma molto pericolosa. Doctissimo ti guida nell’universo dei vaccini contro la meningite, una malattia decisamente da evitare.

I vaccini contro la meningite
© Getty Images

Tipi di meningite

La meningite di origine virale, pur essendo una malattia molto fastidiosa, generalmente guarisce in maniera spontanea senza lasciare tracce. Ben diversa è la meningite batterica, che seppure molto meno diffusa, è molto pericolosa. Proprio per questo i ricercatori hanno concentrato i loro sforzi su questo tipo di meningite mettendo a punto dei vaccini mirati contro i batteri più dannosi, il meningococco, lo pneumococco e l’Hib.

Prima di addentrarci nell’universo dei vaccini contro la meningite è necessaria un’altra precisazione. Oltre che il tipo di batterio, bisogna considerare anche il sierotipo, ovvero la sottospecie del batterio che causa la malattia. Per esempio, esistono circa 90 sierotipi dello pneumococco, ma il vaccino è stato messo a punto contro i tredici di essi che causano la meningite nella maggioranza dei casi.

Di meningococco, invece, sono conosciuti tredici i seriotipi, ma solo cinque sono in grado di provocare la meningite.

Il vaccino contro la meningite da meningococco

Esistono tre tipi di vaccini per il meningococco: quello per il seriotipo C, il combinato per A, C, W135 e Y e quello per il seriotipo B, nuovo vaccino per la meningite. La vaccinazione per il seriotipo C si può somministrare a partire dal terzo mese di vita del bambino, mentre quella combinata può essere fatta a partire dai due anni di età.

Il vaccino per il sierotipo B è somministrabile già a partire dai due mesi di età del bambino, proteggendolo così dal tipo di meningite più pericolosa, quella fulminante. Proprio questo sierotipo del meningococco, infatti, causa una meningite molto aggressiva, che può portare alla morte del paziente in 24 ore nonostante un’appropriata terapia antibiotica.

Vista comunque la scarsa resistenza del meningococco, batterio molto meno resistente di quelli che comunemente causano l’influenza, è importante vaccinare solo i soggetti a rischio, come i bambini che frequentano l’asilo nido o persone che vivono in aree particolarmente colpite dalla patologia.

Vaccino contro la meningite da pneumococco

Il vaccino contro lo pneumococco è disponibile in due diverse versioni: il 23valente, che si può fare dai due anni di età e protegge, come dice il nome, da 23 sierotipi diversi, e il 13 valente, o PVC13, che può essere somministrato fin dai tre mesi di vita del bambino per proteggerlo dai 13 sierotipi più pericolosi. Questo tipo di vaccino, oltre che dalla meningite, protegge anche da possibili polmoniti e otiti causate da questo batterio. Questo non significa essere in generale protetti da queste due patologie, ma solo nei casi in cui a causarle sia uno dei seriotipi di pneumococco per i quali si è ricevuto il vaccino.

Vaccino contro la meningite da Hib

Anche per l’Hemophilus influenzae di tipo B, o Hib, altro batterio che può causare la meningite, esiste un vaccino, somministrabile fin dai due mesi di età. In genere questo vaccino si somministra con le prime vaccinazioni in un esavalente che protegge anche da difterite, tetano, pertosse, polio ed epatite B. A dispetto del nome questo batterio porta infezioni ben più gravi dell’influenza, ma grazie all’alta diffusione della vaccinazione i casi di meningite dovuti all’Hib sono drasticamente diminuiti e oggi non sono i più comuni come un tempo.

Effetti collaterali

La vaccinazione contro la meningite può dare gli stessi effetti collaterali di altri tipi di vaccino, tra cui febbre lieve, gonfiore e rossore nel punto della puntura. Le reazioni allergiche sono piuttosto rare, ma è comunque consigliabile restare sotto osservazione per circa trenta minuti dopo la vaccinazione. Sintomi di una reazione avversa sono pallore, debolezza, battito cardiaco accelerato e difficoltà respiratorie.

Anche una volta tornati a casa è bene tenere sotto osservazione il bambino per cogliere quanto prima eventuali sintomi di una reazione avversa, come una febbre alta o delle alterazioni nel comportamento.

Giuditta Danzi

Scritto da

Commenta
04/07/2014

Per saperne di più:


Newsletter

Test consigliato

Ischemia e ictus: sei a rischio?

Test salute

Quiz - Ictus e ischemia

BMI calcolo
Calcola la tua massa grassa
Calcola la tuo peso ideale