Home  
  
  
    I vantaggi della pompa insulinica
Cerca

Vivere con il diabete
 
Il tuo nome :
La tua mail * :
Nome del destinatario :
E-mail del destinatario * :
Messaggio :
*campo obbligatorio
Messaggio inviato

I vantaggi della pompa insulinica

Da trent'anni i pazienti diabetici possono beneficiare delle pompe insuliniche, note anche come microinfusori. Questi dispositivi, molto affidabili e funzionali, migliorano in modo significativo la vita quotidiana dei pazienti diabetici. Tuttavia, il loro utilizzo rimane decisamente poco diffuso in Italia. Scopri i vantaggi di questo trattamento che si distingue da tutti gli altri.

I vantaggi della pompa insulinica
© Getty Images

Mentre il 25% dei pazienti americani usufruisce di un trattamento tramite pompa insulinica, poche informazioni sono disponibili sull'uso di questa forma di terapia. Negli ultimi anni, in Italia si è assistito a un progressivo e sensibile aumento dell'utilizzo della CSII nella terapia dei pazienti affetti da diabete tipo 1: dati di mercato, riferiti alla vendita di microinfusori, indicano che in Italia il numero di microinfusori utilizzati nel 1998 era di circa un migliaio mentre, nel 2000, era di oltre 3000. Carenza o totale assenza di informazioni su questo dispositivo, timore di possibili malfunzionamenti... sono ancora tanti i luoghi comuni che persistono sull'argomento.

Come funziona la pompa insulinica?

È importante ricordare che il diabete è caratterizzato da un disfunzionamento del pancreas, incapace di produrre l'insulina necessaria per l'organismo. Per regolare la concentrazione di glucosio (glicemia) nel sangue, le persone diabetiche devono somministrarsi regolarmente l'insulina sotto forma di iniezioni e tenere sotto controllo le variazioni di questo ormone. A differenza delle iniezioni, la pompa insulinica consente di rilasciare continuativamente piccolissime quantità di insulina, simulando l'attività del corpo di una persona non diabetica. Il paziente può anche decidere di aumentare il dosaggio di insulina ai pasti o quando lo reputa necessario. Per il Dr. Jean-Yves Josse, diabetico di tipo 1 e che indossa lui stesso questo dispositivo, il vantaggio principale della pompa per insulina è duplice: "Il rilascio costante di insulina, noto come "flusso basale", è più fisiologico". Secondo vantaggio evidenziato dal Dr. Josse: la possibilità di scegliere la dose e il numero di somministrazioni di insulina senza doversi sottoporre alle iniezioni. Ciò favorisce un maggior grado di libertà nella gestione quotidiana e soprattutto una flessibilità di gran lunga superiore per quanto riguarda gli orari di assunzione dei pasti. Infine, il microinfusore non è unicamente vantaggioso sul piano terapeutico, ma incide positivamente anche sulla qualità di vita dei pazienti.

Un miglior controllo della glicemia

Per sapere se un diabete è equilibrato, l'indicatore di riferimento è l'"HbA1c". Dietro a queste poche lettere si nasconde la misura del tasso di emoglobina glicata che permette di valutare la concentrazione di glucosio nel sangue su un arco temporale di tre mesi. In un soggetto non diabetico, questo tasso è inferiore al 6%, mentre nei pazienti diabetici, questo valore deve risultare inferiore al 7% per ridurre i rischi di complicanze. In base ai risultati emersi da diversi studi, la riduzione di 1 punto di emoglobina A1c ridurrebbe del 45% il rischio di retinopatia o del 25% i danni renali.
Inoltre, secondo studi più recenti, il trattamento con pompa insulinica (o microinfusore) ridurrebbe del 42% i rischi cardiovascolari e addirittura del 57% il rischio di infarto rispetto a un trattamento classico con somministrazione di insulina. Tuttavia, è anche opportuno controllare che questo tasso non subisca variazioni eccessive. Anche in questo caso, è facile considerare l'enorme vantaggio della pompa nel rilascio di dosi regolari di insulina. Secondo il Prof. Bringer, diabetologo presso il CHU di Montpellier, "l'insieme degli studi di cui disponiamo dimostra il vantaggio delle pompe rispetto ai trattamenti a base di iniezioni. L'equilibrio glicemico subisce un minor numero di variazioni, è più stabile, e questo grazie alle caratteristiche di precisione e regolabilità di questo dispositivo medico".

Altro vantaggio terapeutico non trascurabile, la pompa insulinica consente di limitare il numero di ipoglicemie severe e moderate, in particolare le ipoglicemie notturne, tanto temute dai pazienti e dai loro famigliari. Lo stesso dicasi per le iperglicemie di cui soffre il 90% dei diabetici nelle prime ore della giornata.

Le pompe consentono di programmare un quantitativo di insulina, impossibile da garantire con le iniezioni. Per il Dr. Josse, che non è a corto di battute di spirito: "la pompa è semplicemente un Game Boy che spara alle glicemie superiori ai 2 g". Questa modalità di funzionamento evita gli sbalzi glicemici, ovvero le continue variazioni del tasso di glucosio nel sangue, principali responsabili delle complicanze provocate dal diabete. Per il Prof. Bringer "l'insulinoterapia non è equiparabile a nessun altro trattamento; richiede notevole precisione e una modulazione costante della risposta. Ed è proprio qui che trova applicazione la pompa insulinica".

Infine, è necessario aggiungere che l'utilizzo del microinfusore, che consente di erogare dosi di insulina più precise e più regolari, determina un minor consumo di insulina.

Convivere con una pompa insulinica

Come moltissimi pazienti che indossano microinfusori, il Dr. Jean-Yves Josse si considera un privilegiato. Diabetico di tipo 1, non si è mai sottoposto alle numerosi iniezioni giornaliere d'obbligo in questi casi e la sua professione gli permette di tenere perfettamente sotto controllo il suo diabete e il trattamento. Ci confida che permangono ancora resistenze nei confronti dell'adozione della pompa insulinica: "spesso si crede di perdere completamente la propria libertà e che il diabetico abbia allora una compagna chiamata pompa con cui è costretto a convivere 24 ore su 24. Per spiegarci: la pompa è più piccola di un cellulare e ci si può scollegare per brevi periodi". La conclusione a cui giunge il medico è inconfutabile: "la priorità va alla salute, e il trattamento ottimale per la salute di un diabetico è la pompa".

Ovviamente, i pazienti devono rimanere liberi di scegliere il trattamento che fa al caso loro, ma è importante che conoscano tutte le opzioni terapeutiche disponibili e che abbiano la possibilità di provare a sottoporsi a ciascun trattamento per trovare il loro equilibrio e per poter dire: "sì, questo trattamento fa al caso mio".

Anne Aurélie Epis de Fleurian, Farmacista

Fonte: intervista al D.r Jean-Yves Josse

Commenta
17/12/2012

Per saperne di più:


Newsletter

Test consigliato

Ischemia e ictus: sei a rischio?

Test salute

Quiz - Ictus e ischemia

BMI calcolo
Calcola la tua massa grassa
Calcola la tuo peso ideale