Home  
  
  
    La dieta per il diabete
Cerca

Vivere con il diabete
 
Il tuo nome :
La tua mail * :
Nome del destinatario :
E-mail del destinatario * :
Messaggio :
*campo obbligatorio
Messaggio inviato

Il promemoria dietetico per i diabetici

L'alimentazione del diabetico deve essere normale, ben equilibrata e frazionata in 3 pasti e più o meno 3 spuntini. Un diabetico deve mangiare per quantità e qualità ciò che dovrebbe mangiare un soggetto non diabetico con pari età, peso e attività. Vanno tuttavia rispettate alcune indicazioni.

La dieta per il diabete
© Getty Images

L'equilibrio alimentare prevede una ripartizione delle calorie totali con il 30-35% di lipidi, il 50% di glucidi e il 12-15% di proteine. 

  • Glucidi (1 g = 4 Kcal):

Gli alimenti glucidici devono essere consumati tutti i giorni e suddivisi in ogni pasto. Il minimo raccomandato è da 180 a 200 g al giorno (70 g ai pasti principali).

Zuccheri semplici:
Zucchero da tavola/bibite zuccherate
Verdura fresca
Frutta
Latticini
Zuccheri complessi:
Pane
Legumi secchi
Farinacei
Cereali

  • Lipidi (1 g = 9 Kcal):

I grassi vanno limitati per mantenere il proprio peso forma e va effettuata una scelta accurata per ridurre il rischio di malattie cardiovascolari:
 Usare il burro crudo per la colazione e gli oli per il condimento, e cucinarli variandoli;
 Limitare il formaggio, consumare più spesso il pesce, scegliere bene le carni.

Carni
Pesci
Uova
Formaggi
Latticini (tranne quelli 0%)
Panna acida
Burro
Olio, margarina
Salumi
Patatine fritte, chips
Dolci
Salse, arachidi ecc.

  • Proteine animali (1 g = 4 Kcal):

Le proteine animali sono sempre associate ai grassi.

Carni rosse e bianche
Pesci
Uova
Pollame, selvaggina, frattaglie
Latticini
Formaggi

  • Proteine vegetali

Pane
Legumi secchi
Soia
Cereali

Equivalenze glucidiche

20 GRAMMI DI GLUCIDI EQUIVALGONO A

2 patate della dimensione di un uovo, 3 carote medie, 2 cucchiai da tavola di purè, 6 cucchiai da tavola di pisellini, 4 cucchiai da tavola di riso cotto, di pasta, di mais, 3 fondi di carciofi, 5 cucchiai da tavola di semola cotta, 1 melone della dimensione di un grosso pompelmo, 6 cucchiai da tavola di legumi secchi cotti, 250 g di fragole, di lamponi, 2/3 di una tazza di cereali, 1 grossa fetta di anguria, 1/8 di torta salata, di pizza, 1 pompelmo, 1/6 di pane baguette (40 g), 3 clementine, 2 fette di pan carrè, 1 arancia (mela, pera, pesca, pescanoce), 3 fette biscottate, 4 albicocche, 1 croissant o una brioche o un panino al latte, 1 mango medio, 4 biscotti secchi, ¼ di ananas fresco, 3 datteri, 1 piccola banana, 3 prugne, 2 - 3 fichi, 2 palline di sorbetto o gelato, 1 piccolo grappolo di uva (120 g), 1 ciotolina di macedonia di frutta fresca, 1 dessert a base di latte, 1 latticino alla frutta,1 ciotolina di mousse al cioccolato (ma grasso).

Le bevande

Il fabbisogno quotidiano di acqua da bere è pari ad almeno 1,5 litri.

  • L'acqua è priva di calorie e può essere consumata semplice oppure sotto forma di caffè, tè, tisana, brodo, minestra, succo di pomodoro, bibite aromatizzate o "con la scorza".
  • Alcune bibite "light" possono anche essere consumate, perché contengono edulcoranti e non apportano, o quasi, calorie;
  • Le bibite zuccherate, i succhi di frutta, le gazzose e gli sciroppi sono, invece, "quasi" proibiti, perché contengono una concentrazione troppo elevata di zucchero (principalmente sotto forma di glucosio) e sono molto iperglicemici;
  • Le bevande alcoliche possono essere consumate in piccole quantità, ma non a digiuno (lontano dai pasti). Fra l'altro, l'alcol apporta molte calorie: 1 g = 7 Kcal.

Esempi:

1 bicchiere di vino - 60 Kcal

1 coppa di champagne - 90 Kcal

1 whisky - 90 Kcal

1 bicchiere di porto - 80 Kcal + zucchero

1 birra (33 cl) - 150 Kcal + zucchero

Il frazionamento

Viene consigliato di suddividere i glucidi in almeno 3 pasti al giorno e, se possibile, a orari regolari.

Gli spuntini

Non sono sistematici e devono tenere conto delle abitudini alimentari, dell'attività fisica e, ovviamente, delle glicemie osservate, così come dell'obiettivo glicemico raccomandato.

Esempio di spuntini che contengono 20 g di glucidi: 1 frutto, o 4 biscotti secchi, o 1 cialda di wafer senza zucchero, o 1 panino al latte, o 1 croissant, o 2 crespelle sottili senza zucchero, o 30 g di cioccolato, ecc.

La reintegrazione dello zucchero

La si ottiene consumando15 g di glucidi: 3 zollette di zucchero da 4 g o 2 pacchetti da 3 zollette di zucchero, o 3 caramelle, o 1 bicchierino di soda o di succo di frutta, o 1 cucchiaio da tavola di marmellata, miele o sciroppo, o 1 una barretta di gelatina alla frutta, o 1 mini-tubetto di latte concentrato zuccherato, ecc.

Evitare il cioccolato, la frutta e le spremute perché non fanno risalire a sufficienza la glicemia.

L'indice glicemico

Si tratta dell'azione specifica di ciascun alimento sulla glicemia, il suo specifico potere iperglicemizzante. Pur in presenza di una pari percentuale di glucidi, gli alimenti non hanno lo stesso effetto sulla glicemia.

Il glucosio è l'alimento di riferimento perché ha il più elevato potere iperglicemizzante, pari al 100% di elevazione glicemica.

In confronto al glucosio, il pane, le patate e lo zucchero da tavola presentano un indice glicemico dell'80% circa; la pasta, i pisellini e il cioccolato approssimativamente del 50%; i legumi secchi e la tapioca del 30% circa.

Alcuni punti chiave da tenere a mente:

  • Mangiare un minimo di glucidi ogni giorno: almeno 200 g (per saperne di più sulle equivalenze glucidiche, fai clic qui) – collegamento al popup;
  • Suddividere questi glucidi in 3 pasti: almeno 70 g a pasto (farinacei, pane, frutta);
  • Mangiare sempre dopo l'iniezione di insulina;
  • Non saltare mai i pasti (1 pasto senza glucidi = 1 pasto saltato);
  • In caso di sovraccarico ponderale e per mantenere il proprio peso forma, la cosa più importante è limitare i grassi: ridurre il consumo di carni, formaggi, uova, grassi da condimento, ed evitare dolci, cioccolato, salse, maionese, arachidi…
  • Nel quadro della prevenzione delle malattie cardiovascolari, è necessario operare una scelta corretta dei grassi: diminuire il burro, la margarina, la carne, i formaggi e le uova; consumare più spesso il pesce; prediligere l'olio per la cottura e il condimento…
  • Bere 1,5 litri di acqua al giorno.
Commenta
17/12/2012

Per saperne di più:


Newsletter

Test consigliato

Ischemia e ictus: sei a rischio?

Test salute

Quiz - Ictus e ischemia

BMI calcolo
Calcola la tua massa grassa
Calcola la tuo peso ideale