Home  
  
  
    Diabete e alimentazione
Cerca

Vivere con il diabete
 
Il tuo nome :
La tua mail * :
Nome del destinatario :
E-mail del destinatario * :
Messaggio :
*campo obbligatorio
Messaggio inviato

L'alimentazione del diabetico

Per il diabete insulinodipendente (tipo 1), l'alimentazione raccomandata è la stessa che per la popolazione in generale. Non si può quindi parlare di una vera e propria "dieta per diabetici": basta semplicemente avere un'alimentazione equilibrata, compatibile con il trattamento. Il paziente deve sempre valutare la quantità di glucidi (carboidrati) ingeriti e somministrarsi la dose di insulina adeguata.

Diabete e alimentazione
© Getty Images

Spesso risulta necessario modificare il comportamento alimentare rispetto alle abitudini che hanno portato a un aumento ponderale e al diabete. Si sa, infatti, che impegnarsi in una dieta aumenta la sensibilità delle cellule adipose all'azione dell'insulina. Di conseguenza, la perdita di peso è il primo trattamento per il diabete di tipo 2.

Controllare la propria alimentazione

Se sei affetto da diabete, un dietologo valuterà insieme a te (e con l'ausilio di un "taccuino alimentare" che terrai aggiornato per alcune settimane) le quantità e la qualità della tua alimentazione. Il dietologo ti aiuterà a correggere i tuoi errori e ti indicherà come equilibrare i pasti, variare le modalità di preparazione dei cibi o, ancora, imparare a leggere le etichette dei prodotti industriali. Una buona conoscenza delle principali famiglie di alimenti, della classificazione dei nutrienti e delle loro funzioni, dei fabbisogni nutrizionali, del consumo delle verdure e della frutta nella lotta contro il sovrappeso ti permetterà a quel punto di dimagrire in modo assennato e duraturo, pur mangiando bene e senza divieti formali.

Per il diabete di tipo 2, l'unico vero problema è… non mangiare fino a completa sazietà e ridurre i grassi.

I 10 principi di base

• Se sei in sovrappeso, diminuisci l'apporto calorico medio e limita gli apporti di grassi (i lipidi sono da 2 a 3 volte più calorici dei glucidi).

• Evita o limita gli zuccheri rapidi (alimenti dal gusto dolce, come lo zucchero, il miele, i dessert, le gazzose), ma consuma zuccheri lenti (pane e farinacei).

• Prediligi i grassi insaturi (pesce, oli vegetali…) a quelli saturi.

• Bada ad alimentarti con regolarità in 3 pasti.

• Scegli le carni magre e mangia pesce 2 o 3 volte a settimana.

• Informati su quali sono gli alimenti più calorici ed evitali.

• Impara le equivalenze, perché permettono di variare i pasti sostituendo un alimento con un altro.

• Fai attenzione ai grassi "nascosti", impara a riconoscerli: un dolce contiene zucchero ma anche grassi; la carne rossa non apporta unicamente proteine, ma anche molti grassi saturi, ecc.

• Mangia in modo equilibrato, pianifica la tua alimentazione, evita i fuori pasto, muoviti e... sii da esempio per la tua famiglia perché questo stile di vita va bene per tutti!

• Riduci la quantità di grassi nella tua alimentazione evitando i cibi fritti e limita il consumo di alcolici e di sale, che puoi sostituire con erbe aromatiche, spezie o succo di limone nei condimenti.

Commenta
17/12/2012

Per saperne di più:


Newsletter

Test consigliato

Ischemia e ictus: sei a rischio?

Test salute

Quiz - Ictus e ischemia

BMI calcolo
Calcola la tua massa grassa
Calcola la tuo peso ideale