Home  
  
  
    Lo zucchero e il diabete
Cerca

Vivere con il diabete
 
Il tuo nome :
La tua mail * :
Nome del destinatario :
E-mail del destinatario * :
Messaggio :
*campo obbligatorio
Messaggio inviato

Diabete: posso mangiare lo zucchero?

Lo zucchero è indispensabile alla sopravvivenza, quindi bisogna continuare a mangiare degli alimenti che ne contengono, anche quando si è diabetici. Per il corpo umano, lo zucchero è come il carburante in un'automobile, è l'energia che ci permette di vivere e di mantenere attivo il nostro cervello.

Lo zucchero e il diabete
© Getty Images

Esistono due generi di diabete, ma in questo caso parleremo del più frequente, il tipo 2, che colpisce 2,4 milioni di italiani e che interessa sempre più persone. Il diabete è dovuto a un eccesso di zucchero nel sangue (questo zucchero è il glucosio) e viene diagnosticato tramite un prelievo ematico (con il dosaggio della glicemia – "gli-" significa zucchero, mentre "-emia", sangue). In poche parole, quando si ha il diabete, si assimila male lo zucchero, che quindi è presente in eccesso nel sangue.

Perché si diventa diabetici?

Il diabete è dovuto agli eccessi alimentari. Le persone diabetiche mangiano in eccesso rispetto al loro fabbisogno e al loro consumo energetico, di conseguenza sono eccessivamente robuste. L'alimentazione non è l'unica ragione: i fattori genetici sono altrettanto importanti. Infatti, la robustezza del fisico non implica il diabete: la malattia si manifesta solo in coloro che sono predisposti.

Da 50 anni a questa parte, i diabetici sono sempre più numerosi, perché? Perché mangiamo troppo e non consumiamo abbastanza energie. Il trattamento del diabete appare dunque logico: consumare più energie e mangiare meno, in realtà soprattutto nutrirsi meglio, evitando gli errori che fanno prendere chili, nel corso degli anni, senza rendersene conto. Questo trattamento efficace è semplice, ma difficile da mettere in pratica, perché impone di modificare i propri comportamenti. Eppure, perdendo qualche chilo, il livello di zuccheri può tornare alla normalità.

Anche per quanto riguarda il maggior consumo di energie, i consigli non sono affatto complicati. Il più semplice è imparare di nuovo a camminare: ad esempio, per chi vive in città, scendere alla fermata dell'autobus precedente a quella di arrivo e raggiungere la propria meta a piedi, sia all'andata che al ritorno. Usare le scale al posto dell'ascensore o delle scale mobili e, nel fine settimana, programmare un'ora di passeggiata il sabato e la domenica. Anche il nuoto o la bicicletta sono eccellenti. Camminare 45 minuti al giorno è molto vantaggioso per la salute.

Quali sono gli errori alimentari da evitare?

Mangiamo troppi grassi e non abbastanza zuccheri. Dove si trovano i grassi? Nel burro, nel formaggio, nei prodotti con latte intero, nei salumi, nei prodotti da forno. Opta per prodotti a base di latte parzialmente scremato. Alcuni tipi di zuccheri vanno evitati, ma non necessariamente del tutto: limita il consumo di gazzose, dolciumi e prodotti di confetteria, così come le bevande alcoliche. Al contrario, mangia a volontà riso e pasta, ma non aggiungere sistematicamente burro, panna o formaggio grattugiato! Si tratta di alimenti (i farinacei) contenenti zucchero ed è questo che deve coprire all'incirca la metà delle calorie della tua alimentazione. Non esitare nemmeno a mangiare legumi secchi, patate, pane e frutta alla fine del pasto.

In conclusione, hai bisogno di zucchero. L'ideale è consultare un dietologo, che ti insegnerà a mangiare diversamente, rispettando i tuoi gusti.

Dr. Emmanuel Zinski

Commenta
17/12/2012

Per saperne di più:


Newsletter

Test consigliato

Ischemia e ictus: sei a rischio?

Test salute

Quiz - Ictus e ischemia

BMI calcolo
Calcola la tua massa grassa
Calcola la tuo peso ideale