Home  
  
  
    Fratture mascellari che cos'è
Cerca

Odontoiatria e stomatologia
 
Il tuo nome :
La tua mail * :
Nome del destinatario :
E-mail del destinatario * :
Messaggio :
*campo obbligatorio
Messaggio inviato

Fratture mascellari

Le fratture mascellari sono frequenti?

Sì, soprattutto in conseguenza del crescente numero di traumi stradali.

Quali sono i sintomi di una frattura mascellare?

Dolore, gonfiore, sensibilità alla pressione, difficoltà di occlusione e di masticazione, instabilità o caduta di denti ed emorragia dalla bocca; se i frammenti dell'osso fratturato si sono spostati reciprocamente, il paziente, in determinate condizioni, non è in grado di chiudere perfettamente la bocca.
Qualora la frattura interessi il mascellare superiore, può prodursi un accumulo di aria nei tessuti che fa gonfiare il viso (enfisema sottocutaneo); ancora più frequenti sono le tumefazioni causate da estesi versamenti di sangue.

La frattura mascellare è accompagnata di frequente da frattura cranica?

Sì; il trauma che causa la frattura mascellare sovente provoca anche una lesione delle ossa craniche.

Dove si verificano di solito le fratture mascellari?

Nel mascellare inferiore, o mandibola, le più frequenti sono quelle che si producono in corrispondenza dei molari e dell'angolo mandibolare. Le fratture del mascellare superiore corrono di solito trasversalmente (fratture di Le Fort) e portano all'instabilità dei denti, coinvolgendo anche i seni mascellari.

Chi deve curare le fratture mascellari?

L'odontoiatra, talvolta in collaborazione con specialisti in otorinolaringoiatria e in chirurgia maxillofacciale.

Come si cura una frattura mascellare?

Nel caso più semplice, la terapia di pronto soccorso prevede l'immobilizzazione della mascella con una benda. Con la cura definitiva le mascelle, dopo che si è provveduto a ridurre le parti fratturate, vengono fissate mediante fasciatura con stecche, allo scopo di immobilizzarle; sovente, inoltre, l'arcata superiore viene unita con un filo metallico a quella inferiore, per portare la mascella fratturata nella posizione del piano occlusale dentario .

La frattura mascellare richiede talvolta un intervento chirurgico?

Sì. Nei casi complessi, soprattutto in presenza di una frattura scomposta, è necessario unire le parti fratturate mediante un'operazione, che sovente viene eseguita dall'esterno, più raramente nella cavità orale. Nel caso si riscontri una perdita ossea, i tessuti mancanti possono essere sostituiti con un trapianto osseo, oppure ricorrendo all'inserimento di una placca metallica.

Quale tipo di alimentazione è consentito a un paziente le cui mascelle siano state fissate con filo metallico?

Può seguire solo una dieta esclusivamente liquida per tutto il periodo del fissaggio.

Quanto impiega a guarire una frattura mascellare?

Dalle quattro alle sei settimane, più a lungo nei casi comportanti anche una perdita ossea.

Per curare la frattura di una mascella, è necessario il ricovero ospedaliero?

I casi semplici possono essere curati dall'odontoiatra nel proprio studio, mentre nei casi complessi e di una certa gravità il paziente deve essere ricoverato in ospedale e, qualora sia necessario un intervento chirurgico, deve venir sottoposto a narcosi.

Commenta

Per saperne di più:



Newsletter

Test consigliato

Ischemia e ictus: sei a rischio?

Test salute

Quiz - Ictus e ischemia

BMI calcolo
Calcola la tua massa grassa
Calcola la tuo peso ideale