Home  
  
  
    Malformazioni dei vasi sanguigni endocranici che cos'è
Cerca

Neurologia (enciclopedia)
 
Il tuo nome :
La tua mail * :
Nome del destinatario :
E-mail del destinatario * :
Messaggio :
*campo obbligatorio
Messaggio inviato

Malformazioni dei vasi sanguigni endocranici

Quali sono?

Sono essenzialmente aneurismi (dilatazioni più o meno regolari di un segmento di un vaso) e angiomi (dilatazioni e proliferazioni irregolari di vasi per lo più venosi).

Sono pericolose?

Poiché questi vasi deformi spesso si rompono e causano emorragie cerebrali, costituiscono una minaccia per la vita; sarebbe pertanto auspicabile localizzarli e, se possibile, operarli per prevenirne la rottura. Sfortunatamente, l'emorragia cerebrale è spesso il primo sintomo della presenza di un aneurisma. Vi sono però alcune sindromi nelle quali gli angiomi cerebrali sono particolarmente frequenti e vanno, pertanto, attivamente cercati.

Quali esami possono evidenziarle?

L'arteriografia e l'angio-RMN sono due tecniche di elezione, ma già con SPET cerebrale, TC e RMN si possono avere delle indicazioni importanti.

È possibile curarle?

In molti casi è possibile, con la neurochirurgia classica, una asportazione parziale o completa della malformazione. Laddove la localizzazione sia particolarmente rischiosa, o la malformazione complessa, recenti tecniche permettono di iniettare sostanze sclerosanti, ottenendo buoni successi nel ridurre o inibire l'ulteriore espansione della malformazione stessa.

Commenta

Per saperne di più:



Newsletter

Test consigliato

Ischemia e ictus: sei a rischio?

Test salute

Quiz - Ictus e ischemia

BMI calcolo
Calcola la tua massa grassa
Calcola la tuo peso ideale