Home  
  
  
    Esantema critico che cos'è
Cerca

Malattie infettive e parassitarie
 
Il tuo nome :
La tua mail * :
Nome del destinatario :
E-mail del destinatario * :
Messaggio :
*campo obbligatorio
Messaggio inviato

Esantema critico

Che cos'è l'esantema critico?

Una malattia infettiva di origine virale (Herpesvirus umano di tipo 6, o HHV-6), chiamata anche "sesta malattia" o roseola infantum, che colpisce generalmente i bambini fino ai tre anni. Il suo sintomo caratteristico è un forte rialzo febbrile (40°- 41°), che dura tre giorni e cessa d'improvviso al quarto giorno, quando su tutto il corpo compare un'eruzione cutanea, destinata a dileguarsi dopo uno o due giorni.

Perché si chiama anche "sesta malattia"?

La malattia è chiamata in questo modo perché è stata scoperta e descritta dopo le quattro malattie esantematiche classiche (rosolia, morbillo, scarlattina, vari cella) e dopo un'altra analoga malattia esantematica di minore importanza che venne chiamata "quinta malattia" (causata dal Parvovirus B19).

Quali altri sintomi determina, oltre alla febbre e all'esantema?

Talvolta il suo insorgere è accompagnato da convulsioni, da formazione di catarro nelle vie respiratorie e da leggeri dolori al collo. L'ingrossamento delle ghiandole linfatiche sulla nuca consente di diagnosticare la malattia ancor prima della comparsa dell'esantema.

A quale età insorge con maggior frequenza questa malattia?

Tra i nove mesi e i tre anni.

Qual è la sua incidenza?

Viene contratta dal 30% dei bambini, ma spesso viene confusa con il morbillo o la rosolia.

È un'affezione grave?

Assolutamente no.

Può dar origine a molte complicazioni?

Di solito non è associata ad alcuna complicazione.

Come si cura l'esantema critico?

Con medicinali atti ad abbassare la febbre e con spugnature per dare una sensazione di sollievo al piccolo; se insorgono convulsioni, può rendersi necessaria la somministrazione di sedativi. In ogni caso, è di solito impossibile riuscire a riportare alla normalità la temperatura corporea prima del quarto giorno dalla comparsa della febbre.

In quali stagioni insorge con maggior frequenza?

In genere in autunno e in primavera, ma non è comunque legata a una particolare stagione.

È una malattia molto contagiosa?

No.

Insorge in forma epidemica?

Generalmente no, ma nelle comunità può talvolta manifestarsi in tale forma.

Il bambino che la contrae deve essere isolato?

No.

Commenta

Per saperne di più:



Newsletter

Test consigliato

Ischemia e ictus: sei a rischio?

Test salute

Quiz - Ictus e ischemia

BMI calcolo
Calcola la tua massa grassa
Calcola la tuo peso ideale