Home  
  
  
    Brucellosi che cos'è
Cerca

Malattie infettive e parassitarie
 
Il tuo nome :
La tua mail * :
Nome del destinatario :
E-mail del destinatario * :
Messaggio :
*campo obbligatorio
Messaggio inviato

Brucellosi

La brucellosi è una malattia tipica dell'uomo?

No; colpisce gli animali, soprattutto bovini, ovini e suini, ed è dovuta a diverse specie di batteri, denominati Brucelle. La trasmissione all'uomo avviene per contatto con le secrezioni e gli escrementi dei suddetti animali e tramite l'ingestione di latte infetto.

La brucellosi può essere trasmessa da un individuo all'altro?

Sì, anche se si tratta di un evento assolutamente eccezionale.

Chi la può contrarre con maggior facilità?

Veterinari, macellai, addetti ai mattatoi, mungitori, allevatori ecc.

Come si può confermare la diagnosi?

La diagnosi è sierologica (test di Wright) o immunoenzimatica.

Quali sono i sintomi della brucellosi?

Febbre, tremito, dolori muscolari e articolari, eccessiva sudorazione e perdita di peso; la febbre assume di solito un decorso ondulante: cioè periodi di rialzo febbrile si alternano a lunghi periodi di sfebbramento, decorso che può persistere per un anno o più a lungo. Se la malattia diviene cronica e non è curata opportunamente, si localizza in vari organi producendo sintomi che possono durare per anni.

Esiste una forma acuta di questa malattia?

Sì; ha la durata di 2-3 settimane e non bisogna confonderla con tifo, malaria o tubercolosi.

In che modo è possibile evitare l'insorgere della brucellosi nell'uomo?

Anzitutto con la pastorizzazione, o quanto meno con la bollitura, del latte. Le persone che per lavoro vengono abitualmente a contatto con le carni degli ani mali suddetti devono portare guanti di gomma e curare opportunamente qualsiasi ferita cutanea. Gli animali riconosciuti infetti, infine, devono essere uccisi.
La profilassi può essere messa in atto con la vaccinazione dei soggetti esposti e degli animali.

Come si cura questa malattia?

Mediante somministrazione di tetracicline, di streptomicina e altri antibiotici, nonché di sulfamidici e, in certi casi, di cortisonici.

Commenta

Per saperne di più:



Newsletter

Test consigliato

Ischemia e ictus: sei a rischio?

Test salute

Quiz - Ictus e ischemia

BMI calcolo
Calcola la tua massa grassa
Calcola la tuo peso ideale