Home  
  
  
    Pleurite che cos'è
Cerca

Apparato respiratorio (enciclopedia)
 
Il tuo nome :
La tua mail * :
Nome del destinatario :
E-mail del destinatario * :
Messaggio :
*campo obbligatorio
Messaggio inviato

Pleurite

Che cos'è la pleura?

Una membrana sierosa costituita da due lamine, o foglietti: l'una, polmonare o viscerale, che ricopre i polmoni, l'altra, parietale, che riveste la cavità toracica.
Le due lamine delimitano la cavità pleurica che in condizioni normali è virtuale e contiene una piccola quantità di liquido sieroso che permette lo scorrimento reciproco di tali lamine.

Che cos'è la pleurite?

L'infiammazione, acuta o cronica, della pleura, che può insorgere come malattia a sé stante (primitiva), oppure secondaria a processi di varia natura prevalentemente a carico del parenchima polmonare.

Da che cosa può essere provocata?

Nella maggior parte dei casi da un processo infettivo (bacillo di Koch, altri bat teri, funghi, virus). Tra le altre possibili cause si annoverano: neoplasie, collagenopatie, embolie polmonari, malattie intra-addominali, traumi, insufficienza respiratoria cronica.

Quale decorso assume la pleurite?

I processi infiammatori possono provocare alterazioni superficiali, per cui sulla pleura si forma una piccola quantità di essudato fibrinoso (pleurite secca o fibrinosa), oppure causare nella cavità pleurica la secrezione di un essudato siero-fibrinoso, per cui la pleurite assume la forma definita essudativa o siero-fibrinosa.

Quali sono i sintomi della pleurite?

La forma secca inizia di solito con dolori intensi al torace, che si fanno più violenti durante l'inspirazione (per cui il paziente cerca di non dilatare troppo il torace), modesto rialzo febbrile e tosse secca; tale forma può risolversi in alcuni giorni, oppure trasformarsi in pleurite essudativa.
In questo caso i dolori e la tosse sono meno violenti o scompaiono del tutto e, in caso di cospicuo versamento pleurico, può comparire una dispnea anche di notevole entità.

Come viene diagnosticata?

L'esame obiettivo del torace del soggetto (ispezione, palpazione, percussione, auscultazione) consente di evidenziare sia un'infiammazione di tipo fibrinoso dei foglietti pleurici sia la presenza di un versamento. Quest'ultimo viene poi confermato dall'esame radiografico del torace. L'esame (chimico-fisico, batteriologico, citologico) di un campione del versamento, prelevato mediante puntura esplorativa (toracentesi), consente di indirizzare verso una diagnosi causale più precisa.

Che cos'è la toracentesi?

È un procedimento per cui, dopo aver praticato una anestesia locale, si introduce un sottile ago nello spazio intercostale fino a farlo penetrare nella cavità pleurica. In presenza di versamento, questa metodica è utile sia da un punto di vista diagnostico (caratteristiche del liquido) sia, qualora il versamento sia particolarmente imponente, da quello terapeutico, favorendo la riespansione del parenchima polmonare.

Quale decorso assume di solito la pleurite?

La forma secca si risolve generalmente in breve tempo; le infiammazioni pleuriche associate ad altre malattie polmonari scompaiono sovente con il processo morboso che ne è alla base: un'eccezione in tal senso è rappresentata dalla pleurite purulenta, che può insorgere in concomitanza o in conseguenza di polmoniti e altri processi infettivi e porta allo sviluppo di un empiema. La forma essudativa, che di solito trae origine da una tubercolosi, può protrarsi per parecchie settimane, finché il versamento pleurico si riassorbe e i sintomi scompaiono; al termine di tale processo morboso si riscontra, non di rado, la formazione più o meno estesa di aderenze, ossia di tessuto fibroso che unisce la pleura che riveste il polmone con la pleura che riveste la cavità toracica.

Come si cura?

Il riposo a letto è indicato almeno fino al riassorbimento dell'eventuale versamento.
Ovviamente, le forme secondarie ad altre malattie prevedono la terapia mirata verso la causa fondamentale, integrata da una terapia sintomatica di supporto rivolta verso la tosse, la dispnea e i dolori toracici. In caso di cospicui versamenti è indicata una toracentesi evacuativa e se, successivamente, sussiste il rischio della formazione di estese aderenze, può essere utile la ginnastica respiratoria.

Commenta

Per saperne di più:


Newsletter

ciao

Test consigliato

Ischemia e ictus: sei a rischio?

Test salute

Quiz - Ictus e ischemia

BMI calcolo
Calcola la tua massa grassa
Calcola la tuo peso ideale