Home  
  
  
    Bronchiectasie che cos'è
Cerca

Apparato respiratorio (enciclopedia)
 
Il tuo nome :
La tua mail * :
Nome del destinatario :
E-mail del destinatario * :
Messaggio :
*campo obbligatorio
Messaggio inviato

Bronchiectasie

Che cosa sono le bronchiectasie?

Dilatazioni, generali o circoscritte, dei bronchi, nelle quali ristagnano delle secrezioni che non possono venire eliminate spontaneamente, causate da alterazioni distruttive delle componenti elastiche e muscolari della parete bronchiale.
Tale malattia raramente interessa diffusamente tutto l'albero bronchiale: nella gran parte dei casi è limitata a un singolo segmento o lobo polmonare .

Come possono essere le bronchiectasie?

Controversa è l'esistenza di bronchiectasie congenite. L'origine del processo distruttivo è quasi sempre legata a un'infezione batterica.

A quali sintomi e complicazioni danno origine?

Tosse cronica e persistente, di solito associata ad abbondante espettorazione di muco; difficoltà di respiro; enfisema; emorragie bronchiali; formazione di ascessi polmonari; polmonite.

Un normale esame radiografico del torace è sufficiente per diagnosticare le bronchiectasie?

No; per confermare la diagnosi clinica è in questo caso necessario eseguire sia una broncografia sia una broncoscopia.

Quali principi determinano la terapia delle bronchiectasie?

a) In caso di sovrapposizione batterica, terapia antibiotica il più possibile mirata;
b) in ogni caso allontanamento da ambienti fumosi e irritanti di ogni genere;
c) somministrazione di farmaci mucolitici per favorire l'espettorazione delle secrezioni accumulatesi nei bronchi;
d) drenaggio posturale: tossire finché non si produce più espettorato assumendo una posizione per cui la zona di polmone colpita dalle bronchiectasie sia più in alto rispetto al capo. Tale esercizio va ripetuto 4 volte al giorno.

In presenza di bronchiectasie, è talora consigliabile la terapia chirurgica?

Sì, in presenza di bronchiectasie localizzate (cioè circoscritte a una piccola porzione di polmone) che non rispondano adeguatamente al trattamento medico o che diano luogo a gravi complicanze (emoftoe massiva o polmoniti recidivanti).

Si tratta di interventi chirurgici pericolosi?

No; grazie al perfezionamento delle tecniche operatorie, attualmente gli interventi di lobectomia e pneumectomia possono essere eseguiti senza alcun rischio da chirurghi specializzati in questo campo.

Quali probabilità di guarigione comportano simili operazioni?

Nel caso vengano asportate tutte le porzioni malate del polmone, si raggiunge la completa guarigione in oltre il 95% dei casi. Prove di funzionalità respiratoria, opportunamente eseguite, consentono di determinare l'estensione della porzione polmonare che può essere asportata senza alcun rischio per il paziente.

Commenta

Per saperne di più:



Newsletter

Test consigliato

Ischemia e ictus: sei a rischio?

Test salute

Quiz - Ictus e ischemia

BMI calcolo
Calcola la tua massa grassa
Calcola la tuo peso ideale