Home  
  
  
    Atelettasia che cos'è
Cerca

Apparato respiratorio (enciclopedia)
 
Il tuo nome :
La tua mail * :
Nome del destinatario :
E-mail del destinatario * :
Messaggio :
*campo obbligatorio
Messaggio inviato

Atelettasia

Che cos'è l'atelettasia?

Un'alterazione del polmone, che consiste nella mancata dilatazione degli alveoli polmonari, per cui una zona dell'organo rimane priva di aria, ossia collassata.

Da che cosa è provocata?

Da un'occlusione delle vie respiratorie, di solito di uno dei rami bronchiali, che impedisce all'aria di arrivare fino agli alveoli polmonari.

Vi sono forme diverse di atelettasia?

Sì:
a) l'atelettasia congenita, che può essere dovuta alla presenza di muco o di meconio in un ramo bronchiale o a una malformazione e al restringimento congeniti di uno di questi condotti;
b) l'atelettasia acquisita, che può manifestarsi a qualsiasi età ed essere provocata dall'occlusione di un bronco da parte di muco, pus o sangue, oppure di piccoli corpi estranei o frammenti di cibo finiti per errore nell'albero bronchiale. Il primo segno della presenza di un tumore bronchiale, inoltre, è sovente costituito dalla scoperta di
un'area polmonare colpita da atelettasia, che in questo caso è la conseguenza dell'occlusione bronchiale provocata dalla proliferazione del tessuto tumorale.

Che cos'è l'atelettasia massiva?

Di solito costituisce una complicazione postoperatoria, per cui uno dei bronchi principali viene occluso da un'elevata quantità di muco, il che può provocare il collasso di un intero polmone.

Come viene curata?

Di solito introducendo un broncoscopio (vedi paragrafo relativo ai bronchi) nella trachea del paziente e aspirando, con un apposito apparecchio, il grumo di muco che occlude il ramo bronchiale.

L'atelettasia massiva è una complicazione postoperatoria molto frequente?

Da quando i metodi di anestesia sono stati perfezionati, non più. Oggi, infatti, l'anestesia provvede, durante e dopo la narcosi, a mantenere liberi i rami bronchiali con l'ausilio di un tubo, introdotto nella trachea del paziente attraverso il laringe.

L'atelettasia massiva è una condizione seria?

Sì, in quanto può essere associata a un forte rialzo febbrile e a gravi difficoltà di respirazione, e quindi complicare il decorso postoperatorio.

Può essere curata con successo?

Sì; attualmente l'aspirazione del grumo di muco e una terapia a base di antibiotici consentono di raggiungere la guarigione nella quasi totalità dei casi.

Per rimuovere il muco che ha provocato questa forma di atelettasia, è sempre necessario ricorrere all'ausilio del broncoscopio?

No; anche la somministrazione di ossigeno e l'indurre il paziente sia a respirare profondamente sia a tossire possono in molti casi favorire l'espettorazione spontanea del grumo di muco.

Commenta

Per saperne di più:


Newsletter

ciao

Test consigliato

Ischemia e ictus: sei a rischio?

Test salute

Quiz - Ictus e ischemia

BMI calcolo
Calcola la tua massa grassa
Calcola la tuo peso ideale