Home  
  
  
    Vaginiti che cos'è
Cerca

Apparato genitale sessualità e riproduzione
 
Il tuo nome :
La tua mail * :
Nome del destinatario :
E-mail del destinatario * :
Messaggio :
*campo obbligatorio
Messaggio inviato

Vaginiti

Da che cosa sono provocate le vaginiti

a) Da batteri quali lo stafilococco, lo streptococco, il gonococco;
b) da parassiti come il Trichomonas;
c) da funghi come la Candida;
d) da alterazioni dovute all'età (vaginite senile);
e) da cure antibiotiche effettuate in precedenza, che distruggendo i batteri vaginali utili hanno favorito l'insediarsi di microrganismi (specialmente funghi e parassiti).

Ci sono condizioni che favoriscono l'insorgenza delle vaginiti?

Sì, quelle che diminuiscono l'acidità vaginale; ciò permette a microrganismi patogeni di svilupparsi. Queste condizioni sono:
a) le mestruazioni;
b) la gravidanza e il parto;
c) le ripetute irrigazioni.

Esistono vaginiti non infettive?

Sì; sono legate all'uso di deodoranti, profilattici, biancheria in fibra sintetica, assorbenti interni, jeans stretti, tutte condizioni che possono causare infiammazione.

Qual è la forma più grave di vaginite?

trasmissione sessuale.)

Quali sono i sintomi della vaginite?

I sintomi delle vaginiti da parassiti, batteri e funghi sono:
a) prurito della vulva;
b) perdite vaginali;
c) coito doloroso;
d) minzione frequente e dolorosa;
e) gonfiore degli organi genitali esterni.

Quali sono i sintomi della vaginite senile?

Prurito e perdite vaginali, ma molto scarse. Talvolta anche coito doloroso e, raramente, sanguinamento.

Quali analisi si eseguono per determinare il tipo di vaginite?

Si esegue un tampone vaginale, cioè si preleva con un tampone un piccolo quantitativo di secrezione vaginale e lo si sottopone all'esame microscopico e colturale. Ciò rivela se l'infezione è causata da Candida, Trichomonas oppure da batteri.

Qual è la terapia per i casi di vaginite?

a) Le infezioni da funghi vengono trattate con successo somministrando vari medicamenti antimicotici, sia per via orale sia con applicazioni locali nella vagina;
b) la vaginite batterica è trattata con antibiotici, somministrati per via orale o applicati localmente;
c) la vaginite senile è trattata con applicazione locale di ormoni femminili.

Il trattamento della vaginite da funghi con somministrazione di farmaci per via orale dà buoni risultati?

Sì, eccellenti. Nella maggior parte dei casi il trattamento, protratto per un periodo di dieci giorni, porta alla guarigione.

La vaginite ha tendenza a recidivare?

Sì. Molti tipi di vaginite hanno questa tendenza.

In quale periodo è maggiore questo pericolo?

Subito prima o dopo un periodo mestruale, e durante gli ultimi mesi di gravidanza.
Ciò fa ritenere che le modificazioni ormonali abbiano una parte molto importante nel favorire le vaginiti.

Le infezioni della vagina possono essere trasmesse all'uomo?

Sì, specialmente quelle da Trichomonas e da Candida (oltre, naturalmente, alla gonorrea). Anche nelle vaginiti da parassiti e da funghi l'infezione si trasmette all'uomo in occasione dei rapporti sessuali, ma nella maggior parte dei casi senza determinare alcun disturbo. Proprio questo fatto è pericoloso, perché l'uomo, credendosi sano, reinfetta la propria compagna in occasione dei rapporti sessuali successivi. È dunque necessario, in caso di vaginite da parassiti o da funghi, curare anche il partner della malata.

Come si esegue il trattamento nel partner della malata?

Coi prodotti specifici, per via orale. Non si effettua invece il trattamento locale.
È anche consigliabile, nel periodo della cura (circa dieci giorni), astenersi dai rapporti sessuali, o usare il preservativo.

Commenta

Per saperne di più:



Newsletter

Test consigliato

Ischemia e ictus: sei a rischio?

Test salute

Quiz - Ictus e ischemia

BMI calcolo
Calcola la tua massa grassa
Calcola la tuo peso ideale