Home  
  
  
    Ritenzione del testicolo che cos'è
Cerca

Apparato genitale sessualità e riproduzione
 
Il tuo nome :
La tua mail * :
Nome del destinatario :
E-mail del destinatario * :
Messaggio :
*campo obbligatorio
Messaggio inviato

Ritenzione del testicolo

Che cos'è un testicolo ritenuto?

Durante lo sviluppo dell'embrione i testicoli sono localizzati nella cavità addominale; man mano che l'embrione cresce, i testicoli scendono e, al momento della nascita, hanno raggiunto le borse scrotali.
In caso di mancata o incompleta discesa si ha la cosiddetta ritenzione dei testicoli (criptorchidia), che può verificarsi per uno solo o per entrambi i testicoli .

Qualora alla nascita uno dei testicoli sia ritenuto, questa malformazione sarà permanente?

Non necessariamente, vi sono testicoli che scendono durante il primo anno di vita o addirittura durante l'adolescenza.

È possibile, con una terapia medica, provocare la discesa del testicolo nella borsa scrotale?

Sì; iniezioni di ormoni facilitano talvolta lo sviluppo del testicolo, provocandone la discesa nella borsa scrotale.

La ritenzione dei testicoli è spesso associata a casi di ernia inguinale?

Si.

Qual è il periodo migliore per operare?

L'intervento deve essere eseguito entro i tre anni di età. Attendere oltre i 5 anni può provocare l'impossibilità del testicolo a produrre spermatozoi per tutta la vita. Se mantenute a lungo alla temperatura della cavità addominale (37°), le cellule germinali finiscono per atrofizzarsi.

E necessario intervenire chirurgicamente in ogni caso?

No, se il testicolo scende in seguito alla terapia a base di ormoni.

Le operazioni per i casi di ritenzione dei testicoli sono gravi?

No, non più gravi di un'operazione di ernia.

Qual è il periodo di ricovero ospedaliero richiesto per tali interventi?

Da cinque a sette giorni.

Come si svolge l'intervento?

I metodi per praticare tale intervento (orchiopessi) sono svariati. In genere si pratica nell'inguine un'incisione di lunghezza variabile da sette a dodici centimetri, quindi si espongono il testicolo e il cordone spermatico attraverso la ferita. Il cordone è allungato recidendo tutto il tessuto fibroso in eccedenza e le eventuali aderenze intorno a esso. Il testicolo è quindi fatto scendere nella sacca scrotale dove viene ancorato al suo posto con suture in seta.
L'orchiopessi può essere compiuta anche con tecniche di chirurgia laparoscopica.

I testicoli ritenuti funzionano normalmente, una volta fatti scendere nella posizione normale?

Non sempre, perché talora i testicoli ritenuti sono piccolissimi e ipofunzionanti.
Tuttavia, anche se non riescono a produrre sperma fecondante, essi continuano a secernere l'ormone maschile mantenendo così le caratteristiche maschili dell'individuo.

Si ottengono buoni risultati con tali operazioni?

Sì, nella maggior parte dei casi.

Commenta

Per saperne di più:



Newsletter

Test consigliato

Ischemia e ictus: sei a rischio?

Test salute

Quiz - Ictus e ischemia

BMI calcolo
Calcola la tua massa grassa
Calcola la tuo peso ideale