Home  
  
  
    Ipertrofia della cervice che cos'è
Cerca

Apparato genitale sessualità e riproduzione
 
Il tuo nome :
La tua mail * :
Nome del destinatario :
E-mail del destinatario * :
Messaggio :
*campo obbligatorio
Messaggio inviato

Ipertrofia della cervice

Che cos'è l'ipertrofia della cervice?

Una crescita eccessiva o un allungamento della cervice con o senza infiammazione.
In molti casi è associata a prolasso dell'utero, cistocele o rettocele (vedi i paragrafi relativi).

Da che cosa è provocata?

Non se ne conosce la causa.

Quali sono i suoi sintomi?

Essendo normalmente associata a cistocele, rettocele o prolasso dell'utero, i sintomi sono a carico dell'apparato urinario o del retto.

L'ipertrofia della cervice ostacola i rapporti sessuali?

Sì. La presenza di una massa che riempie la vagina può rendere il coito difficile,
spiacevole tanto per l'uomo quanto per la donna, e in qualche caso pressoché impossibile. Il dolore durante il rapporto può essere la conseguenza dello spostamento della cervice ingrossata.

Come si cura l'ipertrofia della cervice?

Quando è associata a prolasso, cistocele o rettocele, l'asportazione della cervice fa parte dell'intervento di plastica vaginale. Quando l'ipertrofia della cervice è una manifestazione isolata, la si asporta chirurgicamente.

L'amputazione della cervice è un intervento di alta chirurgia?

No. È considerato un intervento di chirurgia minore e comporta pochissimi rischi o disagi postoperatori.

Dove viene effettuata l'incisione per l'amputazione della cervice?

Completamente all'interno del canale vaginale.

Qual è il periodo di ospedalizzazione per tale operazione?

Circa cinque o sei giorni.

Quali misure postoperatorie sono necessarie dopo l'amputazione della cervice?

Occorrono dalle tre alle quattro settimane di convalescenza; per circa sei settimane ci si deve poi astenere dai rapporti sessuali e dal fare irrigazioni vaginali.

L'amputazione della cervice ostacola una successiva gravidanza?

Dopo l'amputazione della cervice il concepimento è possibile, ma molto probabilmente per il parto sarà necessario ricorrere al taglio cesareo, in quanto una
volta amputata la cervice, è difficile che il collo dell'utero possa dilatarsi abbastanza da consentire il passaggio del neonato. Sussiste anche il pericolo durante il parto, di lacerazione di questo segmento inferiore.

L'ipertrofia della cervice può portare al cancro?

No.

Commenta

Per saperne di più:



Newsletter

Test consigliato

Ischemia e ictus: sei a rischio?

Test salute

Quiz - Ictus e ischemia

BMI calcolo
Calcola la tua massa grassa
Calcola la tuo peso ideale