Home  
  
  
    Tumori del fegato che cos'è
Cerca

Apparato digerente (enciclopedia)
 
Il tuo nome :
La tua mail * :
Nome del destinatario :
E-mail del destinatario * :
Messaggio :
*campo obbligatorio
Messaggio inviato

Tumori del fegato

Il fegato può essere colpito da tumori?

Sì Possono esservi forme primarie, in cui le stesse cellule del fegato degenerano originando il tumore, e forme metastatiche (più frequenti), in cui le cellule cancerogene provengono da altri focolai neoplastici.

Quali sono le cause delle forme primarie?

Le cause non sono ben conosciute, ma si è notato che molte forme si sviluppano in fegati già affetti da cirrosi (spesso nella forma post-epatitica da epatite B e C). Inoltre, in una piccola percentuale di casi, sono state indicate come cause tossine chimiche o forme parassitarie.

È usuale per il fegato essere attaccato da metastasi?

Sì. Il fegato è l'organo più frequentemente attaccato da forme tumorali originatesi m altri organi, quali, per esempio, stomaco, pancreas, cistifellea, mammelle, reni e intestino.

Quali sono i sintomi di un tumore al fegato?

I sintomi di un tumore al fegato dipendono molto dall'estensione e dalla natura della zona interessata e dagli altri organi eventualmente coinvolti. Normalmente consistono in debolezza generalizzata, perdita di peso e di appetito, sgrossamento nodulare del fegato. A volte sono presenti anche tutti i sintomi di una grave cirrosi, come ittero, emorragie, edemi alle gambe, eventuale coma.

Esiste un test di laboratorio diagnostico per l'epatocarcinoma?

No, anche se trovare un elevato valore di alfa-fetoproteina (AFP), un marcatore tumorale, deve far porre il sospetto.

Un tumore al fegato può essere trattato chirurgicamente?

Sì, in certi casi in cui il tumore non sia diffuso, ma chiaramente localizzato in un segmento dell'organo; si può infatti asportare fino metà del fegato e consentire la sopravvivenza al paziente. Altra metodica impiegata è la criochirurgia ecoguidata, con la quale una sonda porta a -200 °C la zona interessata. È inoltre possibile pensare al trapianto di fegato, già attuato in diversi casi selezionati; recente è anche il trapianto di parte del fegato da donatore vivo; il fegato può infatti rigenerarsi in poco tempo, cioè riformare la propria massa, purché ne sia rimasta almeno il 4%.

Commenta

Per saperne di più:



Newsletter

Test consigliato

Ischemia e ictus: sei a rischio?

Test salute

Quiz - Ictus e ischemia

BMI calcolo
Calcola la tua massa grassa
Calcola la tuo peso ideale