Home  
  
  
    Insufficienza cardiaca che cos'è
Cerca

Apparato cardiocircolatorio (enciclopedia)
 
Il tuo nome :
La tua mail * :
Nome del destinatario :
E-mail del destinatario * :
Messaggio :
*campo obbligatorio
Messaggio inviato

Insufficienza cardiaca

Che cosa si intende per insufficienza cardiaca?

Insufficienza cardiaca (o scompenso cardiaco, per usare il termine tecnico) viene definita quella particolare condizione per cui il cuore, per ipertensione o per cardiopatia, risulta indebolito e non riesce più a contrarsi adeguatamente, ossia a "pompare" nel sistema arterioso i 70-80 millilitri di sangue necessari.
La conseguenza di ciò è la dilatazione del cuore, nota come cardiomiopatia dilatativa.
Questa patologia può presentarsi in seguito all'infarto, all'ipertensione non controllata, a patologie valvolari, virali e batteriche, all'aterosclerosi, ma può anche avere un'origine genetica, ossia "codificata" sul DNA dell'individuo.

Quale sintomatologia presenta l'insufficienza cardiaca?

I sintomi più comuni sono:
a) relativa facilità a stancarsi;
b) difficoltà di respiro, inizialmente dopo uno sforzo, e quindi anche a riposo;
c) impossibilità di rimanere distesi nel letto senza avere difficoltà di respiro. Le persone che soffrono di insufficienza cardiaca hanno perciò bisogno di più cuscini per tener eretti il capo e la parte superiore del corpo;
d) improvvisi attacchi notturni di soffocamento, che costringono il paziente a sedersi sul letto o alzarsi e a cercare affannosamente di inviare aria ai polmoni;
e) colorazione cianotica delle labbra, delle unghie e della pelle;
f) ritenzione di liquido sieroso del tessuto sottocutaneo (edema) nel torace, nell'addome e in altre zone del corpo; ciò può provocare gonfiore dei piedi, delle
caviglie e delle gambe, che di norma peggiora verso sera, per migliorare durante la notte.

Dopo quanto tempo un cuore danneggiato o sovraffaticato comincia a risultare inefficiente?

Si tratta di un fenomeno soggettivo, che presenta differenze notevolissime da paziente a paziente. Il cuore dimostra una capacità davvero sorprendente di compiere il proprio lavoro per anni in condizioni molto difficili e comincia a rivelarsi inefficiente solo quando le difficoltà diventano insuperabili.

L'insufficienza cardiaca è letale?

No. Oggi l'insufficienza cardiaca è in molti casi controllabile con farmaci appositi (digitale, diuretici, ACE-inibitori, beta-bloccanti), associati all'adozione di misure terapeutiche, comprendenti la limitazione dell'attività fisica, un'appropriata dieta povera di sale e l'abolizione del fumo. In una percentuale relativamente bassa di casi la soluzione della patologia è rappresentata dal trapianto cardiaco e, quale ausilio in attesa del trapianto stesso, dall'impianto del cosiddetto "mezzo cuore artificiale". Si tratta di un ventricolo sinistro meccanico, alimentato da una batteria esterna portata in vita dal paziente, che viene impiantato sotto il cuore malato e a esso collegato mediante due tubi.

Oltre al trapianto cardiaco, esistono altre tecniche chirurgiche utili a contrastare l'insufficienza cardiaca?

Sì; si tratta però di tecniche semisperimentali ancora in discussione. Sono la cardiomioplastica, la rivascolarizzazione laser del ventricolo sinistro e la riduzione del ventricolo sinistro (vedi anche il sottocapitolo Cardiochirurgia).

Commenta

Per saperne di più:



Newsletter

Test consigliato

Ischemia e ictus: sei a rischio?

Test salute

Quiz - Ictus e ischemia

BMI calcolo
Calcola la tua massa grassa
Calcola la tuo peso ideale