Home  
  
  
    Embolia che cos'è
Cerca

Apparato cardiocircolatorio (enciclopedia)
 
Il tuo nome :
La tua mail * :
Nome del destinatario :
E-mail del destinatario * :
Messaggio :
*campo obbligatorio
Messaggio inviato

Embolia

Che cos'è un embolo?

Un frammento distaccatosi da un trombo che si è formato in una vena, o in un'arteria, o sulla parete del cuore. L'embolo viene successivamente trasportato dalla corrente sanguigna da una regione all'altra del corpo, fino a quando si arresta in un'arteria che ne risulta occlusa.

Da che cosa è provocato?

Non si sa con precisione, tuttavia si ritiene che l'attività o lo sforzo da parte di un paziente affetto da trombosi possa causare il distacco di un frammento del trombo.

Quali sono i sintomi dell'embolia?

Se l'arteria occlusa è di grosso calibro, di solito l'instaurarsi improvviso e drammatico di uno stato di shock; se l'embolo ha raggiunto il cervello, può verificar si un colpo apoplettico (ictus); se occlude invece un vaso polmonare, possono subentrare stato di shock, edema polmonare, emottisi e dispnea (difficoltà respiratoria).

L'embolia può essere causa di morte improvvisa?

Sì; è una delle più comuni.

Una persona colpita da embolia può riprendersi da tale stato?

Sì; in una larga percentuale di casi, a meno che l'embolo sia di grosse dimensioni, abbia raggiunto il cervello o i polmoni e abbia interferito ampiamente sull'apporto di sangue a questi organi. In molti casi in cui sono coinvolti cervello e polmoni, il paziente riesce peraltro a sopravvivere.

È possibile rimuovere con successo un embolo e ristabilire in tal modo una circolazione normale?

Sì, in alcuni casi in cui l'embolo si è fermato in un vaso degli arti, o in un vaso polmonare accessibile al chirurgo, oppure nel cervello. L'intervento chirurgico tuttavia può essere d'aiuto soltanto nel caso venga eseguito tempestivamente, in modo da ripristinare la circolazione sanguigna nell'organo colpito, prima che questo sia compromesso irreparabilmente.

Esiste un trattamento medico dell'embolia?

Sì, è necessario somministrare al più presto per via endovenosa delle sostanze (enzimi) capaci di sciogliere il coagulo e liberare così il vaso occluso; tale trattamento risulta efficace anche in caso di trombosi.

Commenta

Per saperne di più:



Newsletter

Test consigliato

Ischemia e ictus: sei a rischio?

Test salute

Quiz - Ictus e ischemia

BMI calcolo
Calcola la tua massa grassa
Calcola la tuo peso ideale