Home  
  
  
    Ya ba, una nuova droga
Le altre droghe
 
Il tuo nome :
La tua mail * :
Nome del destinatario :
E-mail del destinatario * :
Messaggio :
*campo obbligatorio
Messaggio inviato

Ya ba, la droga della pazzia

Anfetamina dagli effetti particolarmente intensi e duraturi, la ya ba non solo è la droga di sintesi più consumata in Asia, ma è anche la più pericolosa. Fino a questo momento, sembrava che l'Europa fosse risparmiata, ma forse non la è più per molto.

Ya ba, una nuova droga
© Getty Images

Le droghe di sintesi, facili da produrre in grandi quantità e a costi contenuti, occupano un posto sempre più importante nel mercato delle tossicodipendenze. Lo attesta l'aumento esponenziale dei sequestri doganali: nel 1999, a livello mondiale erano stati intercettati oltre 100 milioni di pasticche. In Europa, è proprio l'ecstasy a farla da padrone, in seguito alla diffusione della sostanza per uso ludico/ricreativo a metà degli anni '90. Ma in Asia è un altro componente della famiglia delle anfetamine, di gran lunga più pericoloso di tutte le altre sostanze di questo gruppo: la metanfetamina, altrimenti nota come ya ba, la "droga della pazzia".

Diverse centinaia di decessi registrati ogni anno negli Stati Uniti

Nel 2000, in Thailandia sarebbero stati consumati 700 milioni di queste pillole. Due sono i motivi alla base di un simile utilizzo spasmodico: la ya ba è l'anfetamina più facile da sintetizzare e la meno costosa; è anche la sostanza che produce gli effetti più intensi e duraturi. Viene prodotta prevalentemente in Birmania per un costo equivalente a € 0,15 a pastiglia. Quest'ultima viene rivenduta a € 0,76 vicino alla frontiera, a € 3 a Bangkok e addirittura a € 38 in Europa.

Nel 2001, l'arresto da parte della polizia svizzera di 102 appartenenti a una rete di trafficanti asiatici e il sequestro di ben 450.000 pastiglie sembra attestare l'intenzione dei produttori di trovare nuovi sbocchi sui mercati europei. La metanfetamina è già ampiamente diffusa negli Stati Uniti, dove circola con gli appellativi di Crystal, Ice o Crank. Ed è proprio negli Stati Uniti che si registrano ogni anno diverse centinaia di decessi conseguenti all'utilizzo di questa droga (500 decessi nel 1997).

Taxi driver

Questa "droga della pazzia" è disponibile sotto due forme: la metanfetamina di base (cristalli), la più pericolosa, che si può fumare con una pipa ad acqua, e la metanfetamina cloridrato (ha l'aspetto di piccoli cristalli bianchi e ricorda il sale da cucina), assorbita per via orale, sotto forma di compresse. Questa droga viene consumata come eccitante per la stimolazione prolungata che induce e che si protrae per diversi giorni. Ma la ya ba ha lo svantaggio di provocare un'ipertensione arteriosa e un'accelerazione del ritmo cardiaco. Espone i consumatori ai rischi di incidenti vascolari, arresto cardiaco, ipertermia e convulsioni.

Tuttavia, gli effetti collaterali più tipici sono, sul piano psichico, aggressività, perdita di autocontrollo, tendenza alla violenza paranoica, a volte anche attacchi di panico e allucinazioni che possono portare a commettere azioni fuori controllo. "Il personaggio interpretato da Robert de Niro nel film Taxi driver traccia un ritratto fedele del tipico consumatore di anfetamina", dichiara il Prof. Georges Lagier, Presidente della Commissione Nazionale degli stupefacenti e degli psicotropi presso l'Agenzia francese della sicurezza sanitaria e dei prodotti medicinali (Afssaps).

Una discesa faticosa

Se la salita è improvvisa, la discesa invece è particolarmente difficile, caratterizzata spesso da pensieri negativi, suicidiari, senso di persecuzione e letargia. Sono proprio questi sintomi a spingere nuovamente al consumo di droga, inducendo facilmente un consumo abusivo ripetuto e instaurando una dipendenza. Tuttavia, si tratta di una dipendenza particolare, dal momento che l'abitudine al consumo di droga fa sì che il suo effetto svanisca dopo qualche assunzione. Infatti, la ya ba agisce aumentando il rilascio di una sostanza naturale nel cervello: la dopamina. Dopo una settimana di consumo, le scorte di dopamina nel cervello si esauriscono e, fintanto che non si ricostituiranno, le assunzioni non saranno più efficaci. "Negli Stati Uniti diversi utilizzatori di questa droga hanno sviluppato una dipendenza", osserva il Prof. George Lagier. Assumono dell'anfetamina o della metanfetamina per sette/dieci giorni, poi dormono ed escono da questo torpore solo per riprendere la droga".

Droga rara in Europa

La metanfetamina sta davvero per approdare in Europa? "Si pensa che piccole quantità di ya ba vengano prodotte nei paesi dell'Est Europa", dichiara il Prof. Lagier. Tuttavia, il fatto stesso che la sintesi di questa droga imponga la manipolazione di prodotti tossici ed esplosivi, costituisce forse un deterrente per la diffusione di laboratori clandestini in Europa. Nel maggio scorso, all'aeroporto di Berna (Svizzera), erano state sequestrate ben 35.000 pasticche, trasportate clandestinamente da una coppia di thailandesi. In Francia, l'ultimo rapporto dell'Osservatorio francese sulle droghe e le tossicomanie (OFDT), pubblicato a luglio 2001, riferisce solo piccoli sequestri avvenuti nel 2000 nella regione dell'Ile-de-France, messi a segno dalla polizia. Eppure, l'analisi delle droghe di sintesi rinvenute in ambienti di svago o in altri dimostra che probabilmente in Francia non esiste un consumo significativo di ya ba, per lo meno secondo quanto dichiarato dalla Missione interministeriale per la lotta contro le droghe e la tossicodipendenza (MILDT).

Le analisi condotte sui 40 campioni prelevati ogni mese dall'associazione umanitaria "Médecins du Monde" durante i rave party non hanno mai rinvenuto tracce di metanfetamina nelle pasticche vendute come "ecstasy" tra il 2000 e il 2001. Al contrario, il 7% delle polveri vendute come "speed" (genericamente dell'anfetamina in polvere) nel 2000 conteneva questa sostanza.

Peraltro, secondo Patrick Beauverie, farmacista di "Médecins du monde", alcuni consumatori di cocaina residenti nel 18° arrondissement di Parigi, hanno fumato a loro insaputa questa droga. "Esistono argomentazioni indirette per ritenerlo, poiché questi soggetti presentano sintomi di "discesa" dopo il consumo che durano dagli otto ai dieci giorni, quindi molto più tempo di quanto accade dopo un'assunzione di cocaina. In pratica, sono stati ingannati sulla natura del prodotto. È stata venduta loro dell'anfetamina anziché della cocaina, perché la prima è decisamente meno costosa della seconda".

 

Attualmente, i dati a disposizione indicano che il consumo di questa nuova droga è assai raro in Francia. Ciò nonostante, esiste un rischio evidente che questa droga possa insinuarsi nei luoghi di svago, in cui viene venduta come ecstasy, o come "ya ba", approfittando dell'immagine falsamente rassicurante di una droga che non si inietta. In entrambi i casi, il rischio per il consumatore è alto.

di Dr.ssa Chantal Guéniot

Commenta
22/12/2014

Per saperne di più:


Newsletter

Test consigliato

Ischemia e ictus: sei a rischio?

Test salute

Quiz - Ictus e ischemia

BMI calcolo
Calcola la tua massa grassa
Calcola la tuo peso ideale