Home  
  
  
  
    Perdite bianche
Cerca

L'apparato genitale
 
Il tuo nome :
La tua mail * :
Nome del destinatario :
E-mail del destinatario * :
Messaggio :
*campo obbligatorio
Messaggio inviato

Le perdite bianche

Benché si tratti di un fenomeno fisiologico assolutamente naturale, molte donne si preoccupano quando scoprono delle perdite bianche a livello intimo. Cerchiamo di capire insieme di cosa si tratta, da cosa sono provocate e quando si rende necessario rivolgersi al proprio ginecologo.

Perdite bianche
© Getty Images

Cosa sono le perdite bianche?

Le perdite bianche non sono altro che normali secrezioni vaginali. La mucosa interna della vagina si mantiene sempre umida, per garantire le condizioni igieniche necessarie al suo benessere. I batteri e le cellule morte vengono quindi espulsi con continuità attraverso il muco che, al momento della fuoriuscita, di presenta di colore biancastro e con una consistenza variabile, da liquida a più densa.

Quando sono normali le perdite bianche?

Le perdite bianche sono da considerarsi normali in tutte le fasi del ciclo mestruale. Ci sono però alcuni giorni in cui possono intensificarsi a causa delle variazioni ormonali in corso. Le perdite bianche nei giorni prima dell'ovulazione sono le più significative e spesso vengono utilizzate come chiaro segnale da chi è in cerca di un figlio. Anche le perdite bianche prima del ciclo possono essere più frequenti,  quando il sistema riproduttivo si prepara ad espellere l'ovulo non fecondato.

Quanto sono abbondanti?

La quantità di secrezione che viene prodotta tramite le perdite bianche varia da donna a donna. Per alcune le perdite bianche sono quasi inesistenti mentre per altre si tratta di un fastidio frequente. Non esiste una causa medica specifica per chi soffre di perdite bianche abbondanti, il tutto è riconducibile alle variazioni ormonali ed al Ph interno della vagina.

Perdite bianche e gravidanza

Un aumento delle perdite bianche ad inizio gravidanza è un fenomeno molto comune. Le variazioni ormonali comportano un cambiamento dell'ambiente intimo interno ed un ricambio più frequente delle secrezioni. Spesso le perdite sono così abbondanti da lasciare bagnate le mutandine. Anche in questo caso non occorre preoccuparsi, si tratta di un normale meccanismo di difesa ed autoregolazione del nostro corpo.

Le perdite trasparenti

Le perdite trasparenti sono un'altra forma di secrezione vaginale assolutamente normale. Di solito compaiono nei giorni dell'ovulazione e vengono utilizzate dall'organismo per favorire la risalita degli spermatozoi in vista di un eventuale concepimento.

Quando preoccuparsi?

Come abbiamo visto, le perdite bianche non sono indice di un problema intimo o di una infezione. Quando però le secrezioni cambiano colore o consistenza oppure iniziano ad emettere un cattivo odore, è meglio non sottovalutare la cosa.

In particolare, è sempre consigliabile consultare il medico quando:
-        le perdite assumono un colorito giallastro o marroncino
-        le perdite bianche sono molto più dense del normale
-        le perdite bianche assumono un odore molto acre
-        le perdite bianche assumono odore di marcio
-        le perdite bianche si presentano con striature rosa/rossastre
-        si avverte un fastidioso ed intenso prurito intimo
-        si ha una sensazione di pesantezza alla zona pelvica

Le perdite gialle

Quando le normali secrezioni si presentano come perdite gialle, occorre sempre effettuare alcuni test di routine. Se trascurate, le perdite gialle iniziano solitamente ad assumere un cattivo odore ed a provocare un intenso prurito intimo. In questo caso, la scelta migliore, è quella di chiedere al proprio medico di poter effettuare un tampone intimo, per identificare l'eventuale fonte dell'infezione. Sarà poi il medico o il ginecologo a prescrivere l'antibiotico o in fungicida necessario per risolvere il problema.

Perdite bianche e candida

Non necessariamente le perdite bianche sono da collegarsi ad una infezione da candida. In fungo della candida è normalmente presente nell'ambiente vaginale. Quando però è sottoposto ad un attacco provocato da un agente esterno, il fungo provoca una vera e propria infezione. Le cause possono essere diverse: una cura antibiotica troppo intensa, una cattiva igiene intima, un rapporto sessuale con un partner affetto da infezione da candida o da una intensa variazione a livello ormonale (gravidanza, menopausa etc.).

Le perdite vaginali, durante una infezione da candida, sono inizialmente bianche e dense. Nel giro di pochi giorni diventano però gialle e  maleodoranti, il segnale inequivocabile dell'esistenza di un problema.

Le perdite bianche sono un metodo che il nostro organismo utilizza per mantenere puliti ed in salute gli organi intimi interni. Possono essere utilizzate anche come metodo per individuare le varie fasi del ciclo mestruale, sia al fine di cercare un concepimento che per una contraccezione di tipo naturale.

Attenzione però alle variazioni di colore, densità ed odore: potrebbero indicare una infezione in corso.

Commenta
03/12/2013

Per saperne di più:


Newsletter

Test consigliato

Ischemia e ictus: sei a rischio?

Test salute

Quiz - Ictus e ischemia

BMI calcolo
Calcola la tua massa grassa
Calcola la tuo peso ideale