Home  
  
  
    Le vitamine e i farmaci anti-colesterolo
Cerca

I farmaci per il colesterolo
 
Il tuo nome :
La tua mail * :
Nome del destinatario :
E-mail del destinatario * :
Messaggio :
*campo obbligatorio
Messaggio inviato

Vitamine e farmaci anti-colesterolo non vanno d’accordo!

La somministrazione di integratori vitaminici sembrerebbe ridurre l’effetto dei farmaci ipocolesterolemizzanti, con il rischio di rendere inefficace la prevenzione delle malattie cardiovascolari.

Le vitamine e i farmaci anti-colesterolo
© Getty Images

In medicina, come in ogni altro campo, a volte è bene seguire il vecchio adagio “Il meglio è nemico del bene”: sembra il caso, ad esempio, in tema di trattamenti ipolipidimizzanti. Questi farmaci sono finalizzati a normalizzare il tasso di lipidi nel sangue (colesterolo e trigliceridi) i quali, se presenti in eccesso, aumentano il rischio di malattie cardiovascolari(infarto, trombosi, ecc.). Secondo un recente studio americano, tuttavia, l’azione benefica di questi trattamenti potrebbe essere ridotta dalla somministrazione di integratori vitaminici.

Aumentare il colesterolo “buono”

Oggi è noto che il colesterolo è presente in due forme, una benefica (colesterolo LDL), che induce l’eliminazione dei grassi, e una dannosa (colesterolo HDL), che al contrario favorisce il loro deposito.

Numerosi farmaci ipolipidemizzanti, tra cui le famose statine (come il Torvast®, le Crestor ® o ancora lo Zocor ®) agiscono su queste due componenti, aumentando il colesterolo HDL e riducendo il colesterolo LDL. Sono spesso prescritti per la prevenzione dell’infarto alle persone che presentano un eccesso di colesterolo (ipercolesterolemia) e la loro efficacia è universalmente nota.

Vitamine e farmaci: attenzione a non mescolarli!

Un’équipe di ricercatori di Seattle ha cercato di scoprire se l’efficacia di questi farmaci può essere aumentata associandoli a delle vitamine antiossidanti, che “catturano” i radicali liberi e sono quindi state proposte per la prevenzione delle malattie cardiovascolari, benché i loro effetti benefici non siano stati dimostrati con certezza.

Centosessanta pazienti sono stati suddivisi in quattro gruppi e trattati per un anno con:

  • Un placebo;
  • Unicamente famaci anti-colesterolo (della niacina associata a una statina);
  • Unicamente un cocktail antiossidante (vitamine E et C, beta carotene e selenio);
  • Una combinazione di farmaci ipocolesterolemizzanti e di un cocktail antiossidante.

Risultati: placebo e cocktail antiossidanti assunti singolarmente non hanno un effetto significativo sui tenori lipidici, mentre le concentrazioni di colesterolo HDL (colesterolo buono) sono aumentate, e quelle di colesterolo LDL (colesterolo cattivo) si sono ridotte, nei soggetti che assumevano unicamente i farmaci ipocolesterolemizzanti. Il fatto sorprendente è che nelle persone a cui è stato somministrato in aggiunta il cocktail antiossidante si è verificata una diminuzione del tasso di colesterolo cattivo ma non un aumento del livello di colesterolo buono!  

Quando gli effetti si riducono, i rischi aumentano…

Questa interferenza inattesa fa temere una netta diminuzione dell’efficacia dei trattamenti, in vista della prevenzione cardiovascolare: queste inquietudini sembrano confermate dall’esame radiologico, tramite angiografia, delle placche ateromatose. In occasione del congresso dell’American College of Cardiology, gli autori dello studio avevano presentato dei risultati preliminari, mostrando che la malattia coronarica era progredita del 7% nei pazienti trattati con la combinazione di ipocolesterolemizzanti e vitamine, mentre nello steso tempo era regredita del 4% nei soggetti trattati solo con ipocolesterolemizzanti. Varrebbe la pena di confermare questi risultati su un numero maggiore di pazienti. Sarebbe ovviamente interessante sapere anche quali elementi, all’interno del cocktail somministrato, potrebbero interferire con gli effetti dei farmaci ipocolesterolemizzanti. In attesa di ulteriori indagini, comunque, è raccomandabile non associare questi due tipi di trattamenti, anche perché gli argomenti a favore della prevenzione delle malattie cardiovascolari attraverso gli antiossidanti sono molto fragili.

Dr Chantal Guéniot

* Arterioscler Thromb Vasc Biol. 2001;21:1320 - 1326

Commenta
31/10/2012

Per saperne di più:


Newsletter

Test consigliato

Ischemia e ictus: sei a rischio?

Test salute

Quiz - Ictus e ischemia

BMI calcolo
Calcola la tua massa grassa
Calcola la tuo peso ideale