Home  
  
  
    La cura del colesterolo alto
Cerca

I farmaci per il colesterolo
 
Il tuo nome :
La tua mail * :
Nome del destinatario :
E-mail del destinatario * :
Messaggio :
*campo obbligatorio
Messaggio inviato

Colesterolo: è possibile curarsi?

Oggi si dà sempre più importanza all’educazione terapeutica dei pazienti, poiché un paziente ben informato sulla propria malattia e sul trattamento si curerà meglio. Attualmente è quindi indispensabile applicare questo principio alle persone affette da ipercolesterolemia, soprattutto perché questi pazienti tendono spesso a non sentirsi malati. L’eccesso di colesterolo, invece, è una delle principali cause delle malattie cardiovascolari.

La cura del colesterolo alto
© Getty Images

È universalmente noto: un trattamento può essere efficace solo se è seguito correttamente. Si parla di "aderenza" al trattamento, ovvero della capacità e volontà di seguire in modo corretto la terapia. Numerosi fattori entrano in causa quando un paziente non segue in modo adeguato il trattamento: scarsa conoscenza della propria malattia o del trattamento, errata valutazione dei pericoli corsi e dei benefici attesi dal trattamento… È qui che entra in gioco la sfida dell’educazione terapeutica. 

Il programma PEGASE: un primo passo che viene d'Oltralpe

In Francia è stato realizzato un progetto di educazione terapeutica per i pazienti con ipercolesterolemia: si tratta del programma "PEGASE: Programme Educationnel pour une Gestion Améliorée des Sujets à risque cardiovasculaire Elevé". Il concetto di educazione terapeutica, formulato nell’ambito delle raccomandazioni dell’OMS, insiste sul valore terapeutico di un percorso educativo rivolto ai pazienti con malattie croniche: si tratta non solo di informare, ma di educare il malato affinché possa acquisire le competenze necessarie per tenere sotto controllo in modo ottimale la patologia. Il paziente diventa così protagonista a tutti gli effetti del proprio processo di cura, ovvero decide di modificare il proprio comportamento acquisendo delle un corretto stile di vita e seguendo regolarmente il trattamento prescritto contro l’eccesso di colesterolo. 

Il programma PEGASE è stato valutato attraverso uno studio clinico condotto su 2 gruppi di persone, di cui uno ha ricevuto un’educazione terapeutica completa e l’altro una presa in carico tradizionale. Il gruppo "educato" ha ricevuto la consulenza da parte del personale sanitario (infermieri, dietologi e medici) attraverso sedute educative all’interno dell’ospedale, in una sala attrezzata. Da 3 a 8 pazienti hanno quindi partecipato attivamente a ogni seduta, e ogni paziente ha avuto a disposizione 3 sedute collettive e 2 incontri con un infermiere/dietologo o un medico per discutere del proprio percorso di cambiamento. I risultati parlano chiaro: nel gruppo dei pazienti seguiti personalmente è stato rilevato una significativa riduzione del rischio cardiovascolare, mentre nel gruppo non "educato" si è osservata una tendenza alla stabilità dei punteggi.

Un sistema dall’efficacia dimostrata

Questo programma ha mostrato in maniera evidente l’efficacia dell’educazione terapeutica nel breve periodo, con una reale diminuzione del rischio cardiovascolare. Resta ovviamente da sapere se le buone abitudini verranno mantenute dopo la fine delle sedute educative! Il progetto delinea comunque importanti prospettive riguardo alla realizzazione di strumenti pratici e di facile utilizzazione per i medici di base o gli specialisti: l’obiettivo finale è quello di diffondere il concetto di educazione terapeutica a tutti i pazienti a rischio cardiovascolare. 

Adotta il concetto di "educazione alla salute"!

Con un po’ di aiuto risulta quindi possibile modificare a qualunque età abitudini che sembravano immutabili! Informati sulla tua ipercolesterolemia, non assumere il tuo trattamento senza conoscerne bene il meccanismo d’azione e impara ad essere consapevole dei rischi a cui vai incontro e delle conseguenze dell’eccesso di colesterolo. Una volta acquisite queste poche informazioni, la tua terapia non potrà che beneficiarne: è scientificamente provato! 

Acquisire nuove abitudini è possibile, ma è altrettanto importante mantenerle nel lungo periodo… D’altronde i pazienti "educati" sono stati unanimi nel rimpiangere che il programma avesse una durata limitata e di essere stati lasciati nuovamente a loro stessi.

Allora… lasciati tentare dall’educazione terapeutica: il tuo tasso di colesterolo non potrà che diminuire!

Vincent Macry

Commenta
01/11/2012

Per saperne di più:


Newsletter

Test consigliato

Ischemia e ictus: sei a rischio?

Test salute

Quiz - Ictus e ischemia

BMI calcolo
Calcola la tua massa grassa
Calcola la tuo peso ideale