Home  
  
  
    Misurare il colesterolo a casa
Cerca

Misura il tasso di colesterolo
 
Il tuo nome :
La tua mail * :
Nome del destinatario :
E-mail del destinatario * :
Messaggio :
*campo obbligatorio
Messaggio inviato

Come misurare il colesterolo a casa?

Il colesterolo è considerato attualmente il nemico numero 1 del cuore, e la correlazione tra ipercolesterolemia e malattie cardiovascolari è ormai incontestabilmente dimostrata. Eppure quanti conoscono il proprio tasso di colesterolo? Un nuovo test dovrebbe consentire di dare una risposta in pochi minuti.

Misurare il colesterolo a casa
© Getty Images

Cholescreen, presentato dai laboratori Matara Diagnostics come uno "strumento di misurazione in grado di responsabilizzare la popolazione", permette di conoscere il proprio tasso di colesterolo e di seguirne l’evoluzione nel tempo senza ricorrere necessariamente a un esame presso un laboratorio di analisi.  

Seguire attivamente l’evoluzione del proprio stato di salute

I test diagnostici venduti in farmacia, un tempo utilizzati esclusivamente in ambito ospedaliero, si sono gradualmente perfezionati e diffusi, in particolare quelli per la misurazione della glicemia o i test di gravidanza: affidabili, di semplice utilizzo, questi ritrovati tecnologici hanno rapidamente conquistato il pubblico.

In tempi più recenti questi test hanno trovato applicazione in altri campi: fertilità, ipertensione, menopausa. In farmacia è appena arrivato l’ultimo nato: il primo test a domicilio per il dosaggio del colesterolo compreso tra 1,25 et 4 g/l.

Questo test, che rappresenta una vera e propria innovazione, permette di conoscere in meno di dieci minuti il proprio tasso di colesterolo al centesimo di grammo, non impone alcuna restrizione alimentare e può essere utilizzato in qualunque momento della giornata; esso combina un sistema di filtrazione del sangue, un dispositivo che consente la liberazione di reagenti e un sistema di cromatografia.  

Questo test, registrato dall’ Agence française de sécurité sanitaire des produits de santé (AFSSAPS), fornisce risultati qualitativi equivalenti a quelli ottenuti nei laboratori di analisi.

 In Italia sono disponibili test per la misurazione del colesterolo, come Accutrend o Multicare, che misura glicemia, glucosio e trigliceridi.

Le quattro tappe del dosaggio a domicilio con Cholescreen

Con l’aiuto della penna pungidito raccogliere

il campione di sangue

Bastano 1 o 2 gocce di sangue

Dopo 2 minuti, tirare la linguetta verso destra

10 minuti più tardi l’indicatore (end) diventa verde e quindi dovrai leggere il tuo tasso di colesterolo con l’aiuto della tabella delle corrispondenze

Un risultato in 10-15 minuti!

Secondo il Professor. Eric Bruckert, capo del reparto di endocrinologia all’ospedale della Pitié Salpetrière (Parigi), la creazione di un test per la rilevazione del tasso di colesterolo totale rappresenta per vari motivi un passo avanti. "Il suo principale vantaggio è che permette di identificare un sintomo e quindi di suscitare la consapevolezza della patologia, rappresentando così una fonte di motivazione a favore dell’avvio e soprattutto dell’aderenza al trattamento", sottolinea il Professor Bruckert, precisando però anche i limiti di questo test:

  • L’inerzia del colesterolo è elevata, il che significa che il risultato di questo test può riflettere delle alterazioni che risalgono ad alcune settimane prima;
  • Questo test misura il colesterolo totale, che è costituito dal colesterolo buono e da quello cattivo, e il cui valore rispecchia quindi solo una tendenza;
  • Il colesterolo totale non permette da solo di definire il livello del rischio cardiovascolare; altri fattori sono infatti da considerare: ipertensione, diabete, fumo di tabacco, sovrappeso…

Se il tasso è superiore a 2 g/l, è importante consultare il proprio medico di base, che potrà consigliare delle analisi integrative. Per verificare che i risultati del test venissero interpretati correttamente dai futuri utilizzatori, Matara Diagnostics ha condotto uno studio su 367 persone, le cui conclusioni sono state incoraggianti: il 91% ha considerato a un tasso superiore a 2g/l come anormale e il 74 %ha risposto che avrebbe consultato il proprio medico, modificato le abitudini alimentari e aumentato l’attività fisica. L’obiettivo sembra quindi raggiunto.  

Sensibilizzare gli uomini giovani sulla loro salute

Questo nuovo strumento sembra di particolare interesse per una certa popolazione: gli uomini giovani apparentemente in buona salute, che spesso sono poco sensibili ai consigli sulla salute e a volte accumulano i fattori di rischio per le malattie cardiovascolari senza esserne coscienti.

Più in genere, però, i soggetti in grado di trarre benefici da questo test sono i diabetici, gli ipertesi, i pazienti trattati con ipolipidemizzanti, le donne che assumono contraccettivi orali, i fumatori, le persone in sovrappeso. Secondo la Fédération Française de Cardiologie, dopo i 25 anni tutti dovrebbero conoscere il proprio tasso di colesterolo.

Questo test potrebbe inoltre rivelarsi utile nell’ambito dei consulti di medicina del lavoro, se inserito in una campagna mirata o in un programma di educazione dei pazienti.  

David Bême

Commenta
27/08/2012

Per saperne di più:


Newsletter

Test consigliato

Ischemia e ictus: sei a rischio?

Test salute

Quiz - Ictus e ischemia

BMI calcolo
Calcola la tua massa grassa
Calcola la tuo peso ideale