Home  
  
  
    I luoghi comuni sul colesterolo
Cerca

Che cos'è il colesterolo?
 
Il tuo nome :
La tua mail * :
Nome del destinatario :
E-mail del destinatario * :
Messaggio :
*campo obbligatorio
Messaggio inviato

Colesterolo: bando ai luoghi comuni

Te l’ha detto il medico: hai il colesterolo troppo alto, e devi fare attenzione a cosa metti nel piatto e al tuo stile di vita. Modificando la propria alimentazione è possibile ridurre fino a un terzo il proprio livello di colesterolo… a condizione di fare le scelte giuste e di non credere a tutto ciò che si sente dire! Doctissimo ti propone 10 tra i più diffusi luoghi comuni, scopri quali sono veri e quali no, e porta la salute nel piatto!

I luoghi comuni sul colesterolo
© Getty Images

Non mangiare uova

Falso: Il colesterolo contenuto nelle uova (e negli altri alimenti) influisce poco sul livello di colesterolo nel sangue, e il tuo medico potrà spiegarti che nulla ti impedisce di mangiare 4 uova alla settimana. 

Consumare almeno 5 porzioni di frutta e verdura al giorno

Vero: Tutti i tipi di frutta e verdura, grazie al loro elevato contenuto di fibre e antiossidanti, contribuiscono a garantire un’alimentazione equilibrata e a prevenire le malattie cardiovascolari.  

Mangia tante mele

Vero: Grazie al loro contenuto di pectina, le mele contribuiscono a una riduzione significativa (dal 5 al 10%) del tasso di colesterolo2,ma a condizione di mangiarne almeno tre al giorno.

Non mangiare formaggio

Falso: È una questione di quantità! Non dimentichiamo infatti che il formaggio è essenziale all’interno di un’alimentazione equilibrata, grazie al suo elevato contenuto di calcio. Non bisogna però superare i 40 g al giorno (per gli uomini) e i 30 g al giorno (per le donne), e va ricordato che nel reparto formaggi sono disponibili nuovi prodotti la cui composizione è stata studiata per limitare l’eccesso di colesterolo nel sangue nell’ambito di un regime dietetico mirato.  

Le proteine della soia aiutano a ridurre il colesterolo

Vero: Consumare regolarmente 25-30 g al giorno di proteine della soia (circa 3 prodotti, tra cui una "bistecca" di soia o 150 g di tofu) induce una riduzione del 10-15% del tasso di colesterolo LDL3

I fiocchi d’avena aiutano a ridurre il colesterolo

Vero: L’assunzione di 60 g di fiocchi d’avena per un mese si accompagna a una riduzione del tasso di colesterolo LDL nella misura del 5-10%. Le fibre solubili dell’avena presentano uno dei più elevati tassi ipocolesterolemizzanti. L’orzo e l’avena hanno le stesse proprietà4.

Eliminare tutte le materie grasse

Non dimenticare le noci, le nocciole e le mandorleNon dimenticare le noci, le nocciole e le mandorleNon dimenticare le noci, le nocciole e le mandorle

Consuma alimenti anticolesterolo per ridurne il livello nel sangue

Falso: esistono degli alimenti che permettono di prevenire le malattie cardiovascolari grazie a un buon rapporto Omega 3 - Omega 6 ma, per essere utili, questi alimenti devono essere consumati all’interno di un regime alimentare di tipo "mediterraneo", che ha come punti forti i cereali integrali, la frutta e la verdura fresca, il pesce e le carni bianche. 

I frutti di mare sono sconsigliati

Falso: I frutti di mare e i crostacei sono poveri di grassi; in compenso, è l’eccesso di maionese o di burro con le ostriche ad essere decisamente sconsigliato!

Nadine Ker Armel

Si ringrazia il Dottor Jean-Michel Lecerf, medico nutrizionista presso l’Istituto Pasteur di Lille.

1 - Il Programme National Nutrition Santé (PNNS, Programma nazionale di nutrizione e salute) raccomanda l’assunzione di almeno 5 porzioni di frutta e verdura al giorno.
2 - L'équipe del Professor Girault, CHU (Centre Hospitalier Univesitaire) d'Angers, ha dimostrato l’effetto benefico del consumo di mele su un gruppo di 235 pazienti con ipercolesterolemia elevata (2,5 g /l o più).
3 – Basandosi su prove scientifiche, la Food and Drug Administration degli Stati Uniti ha concesso alle industrie che producono alimenti contenenti almeno 6,25 g a porzione di proteine della soia di indicare in etichetta che l’assunzione di “25 g di proteine della soia al giorno, nell’ambito di un regime alimentare povero di grassi saturi e di colesterolo, può ridurre il rischio di malattie cardiache”.
4 - Eufic (The European Food Information Council), 2005.

Commenta
31/10/2012

Per saperne di più:


Newsletter

Test consigliato

Ischemia e ictus: sei a rischio?

Test salute

Quiz - Ictus e ischemia

BMI calcolo
Calcola la tua massa grassa
Calcola la tuo peso ideale