Home  
  
  
    La mastoplastica
Cerca

Chirurgia plastica e ricostruttiva
 
Il tuo nome :
La tua mail * :
Nome del destinatario :
E-mail del destinatario * :
Messaggio :
*campo obbligatorio
Messaggio inviato

Mastoplastica: la chirurgia del seno

Modellare il seno, come ridurne o aumentarne la taglia, richiede un intervento chirurgico. In che casi e con quali tecniche.

La mastoplastica
© Getty Images

In quali casi è consigliabile un intervento di chirurgia plastica delle mammelle?

a) In caso di forte ipoplasia (sviluppo insufficiente) o ipertrofia (sviluppo eccessivo); b) quando le mammelle siano nettamente cascanti; c) in seguito a rimozione chirurgica di parte o di tutta la mammella (mastectomia).

In che cosa consiste la mastoplastica additiva?

Consiste nell'inserimento sotto la ghiandola o, in qualche caso, sotto i muscoli pettorali, di protesi di silicone della consistenza del parenchima mammario. Si tratta di un intervento piuttosto semplice; l'inserimento della protesi avviene attraverso un'incisione periareolare al fine di lasciare una cicatrice poco visibile. Le protesi sono in silicone (una molecola composta da silicio e ossigeno), cioè di una materia plastica di sintesi tra le meglio tollerate in assoluto dall'organismo umano; un'intolleranza si manifesta solo nel 10% dei casi, quando la protesi viene circondata da una capsula fibrosa che dà una consistenza maggiore (la mammella, invece di avere una forma a goccia, ha una forma emisferica).

Si impiegano solo protesi di silicone?

No; esistono protesi che sono formate da guaine rugose di silicone riempite di soluzione fisiologica, oli vegetali o polisaccaridi diversi. In certi casi, sono associabili alle protesi lembi cutanei o miocutanei.

In che cosa consiste la mastoplastica riduttiva?

È un intervento per ridurre l'eccesso di ghiandola mammaria e di cute, che provocano un abbassamento e un eccessivo volume della mammella. L'intervento consiste nell'asportazione di tessuto mammario e di cute e nel rimodellamento volumetrico del seno. L'intervento lascia cicatrici abbastanza appariscenti a forma di T rovesciata.

Gli interventi di chirurgia plastica al seno alterano la normale sensibilità mammaria?

No.

Dopo una plastica al seno è possibile allattare?

Sì.

Gli interventi di chirurgia plastica alle mammelle ottengono risultati positivi?

Sì, dal punto di vista estetico; simili operazioni raggiungono un indubbio successo, anche se permangono cicatrici.

Si tratta di interventi chirurgici complessi?

Non particolarmente.

1 La mastoplastica - continua ►

Commenta
04/05/2010

Per saperne di più:


Newsletter

Test consigliato

Ischemia e ictus: sei a rischio?

Test salute

Quiz - Ictus e ischemia

BMI calcolo
Calcola la tua massa grassa
Calcola la tuo peso ideale