Home  
  
  
    I rischi del laser
Cerca

Chirurgia oculistica
 
Il tuo nome :
La tua mail * :
Nome del destinatario :
E-mail del destinatario * :
Messaggio :
*campo obbligatorio
Messaggio inviato

I rischi del laser per la correzione visiva

Il numero delle persone che scelgono di sottoporsi ad un intervento di chirurgia laser per correggere un difetto visivo è in costante aumento. La prospettiva di poter finalmente vedere in maniera chiara senza lenti a contatto o occhiali è talmente affascinante che spesso si opta per l'intervento senza prima informarsi a pieno dei possibili rischi. La chirurgia laser in ambito oculistico è costituita da un insieme di tecniche recenti ed in continuo sviluppo. Questo significa che i possibili rischi e le complicanze dovute ad un intervento non riuscito, ancora non sono perfettamente chiare.

I rischi del laser
© Getty Images

Quanto è sicuro un intervento laser agli occhi?

A questa domanda purtroppo, ad oggi, non esiste una risposta certa. Nonostante ogni anno vengano eseguiti, soltanto in Italia, più di centomila interventi tra Lasik e Prk, l'elenco dei fastidi e disturbi avvertiti dai pazienti in seguito all'operazione è in continuo aggiornamento.

Dati alla mano, secondo l'istituto di Oftalmologia americano, l'intervento laser presenta un fattore di rischio di circa un caso ogni mille. Questo significa che ogni 1000 interventi eseguiti, uno di essi non sarà risolutivo o potrà creare problemi più gravi del disturbo presente in precedenza.

Un esempio eclatante dei possibili rischi del laser agli occhi è il fatto che i vertici della RAF (Royal Air Force) inglese, una delle forze militari di aviazione più importanti del mondo, abbiano consigliato a tutti i loro piloti di non sottoporsi ad un intervento di chirurgia laser per correggere la vista. I piloti che si sono già sottoposti all'intervento non vengono inoltre occupati per le missioni più delicate, soprattutto in notturna quando è richiesta una capacità visiva praticamente perfetta.

In molti si sono chiesti se valga o meno la pena di correre il rischio, pur di poter finalmente risolvere i propri difetti visivi. Cerchiamo di vedere insieme quali possono essere i rischi legati ad un intervento di laser agli occhi, dal fastidio più lieve al problema più invalidante.

I rischi più frequenti del laser

Dolore agli occhi
Il fastidio più diffuso tra coloro che si sono sottoposti ad una operazione di chirurgia laser agli occhi è senza dubbio il dolore. Se è da considerarsi normale nei primi giorni post-intervento, il dolore oculare può tuttavia protrarsi nel tempo e perdurare anche per alcuni mesi, tanto da richiedere un'assunzione prolungata di farmaci analgesici ed antidolorifici.

Secchezza dell'occhio
Quasi tutti i pazienti che hanno subito un intervento laser agli occhi avvertono una secchezza diffusa degli occhi, tanto da non riuscire più a lacrimare. Si tratta di un disturbo molto comune che per alcuni soggetti tenderà a scomparire con il tempo ,mentre per altri si trasformerà in una condizione cronica.

Lento recupero della vista
Benché i tempi indicati dei medici per il recupero della funzionalità degli occhi post-intervento laser siano in genere compresi in un periodo che va dalle 4 alle 8 settimane, in realtà molti pazienti lamentano un periodo di recupero ben più lungo. In generale, i pazienti operati per correggere una miopia hanno un recupero più rapido mentre i tempi maggiori si riscontrano nei soggetti ipermetropi.

Presenza di aloni e flash luminosi
Il rischio di vedere aloni e lampi di luce intorno agli oggetti è piuttosto comune tra i pazienti sottoposti ad intervento laser agli occhi e si manifesta soprattutto di notte. E' una condizione comune a tutti i soggetti nei primi giorni dopo l'intervento, ma per alcuni il disturbo si protrae per diversi mesi. Nei casi più gravi il difetto diventa permanente.

Sdoppiamento della vista ed altri problemi visivi
La comparsa di problemi visivi come sdoppiamento della vista o difficoltà nel calcolare le distanze degli oggetti, sono complicanze di solito circoscritte al post-intervento. Anche in questo caso però, in alcuni casi, possono essere difetti di tipo permanente.

Infezioni agli occhi
L'insorgere di una infezione agli occhi non è tanto un rischio della tecnica laser di per sé ma una complicanza post-operatoria dovuta ad un problema di tipo strettamente clinico. Per fortuna è un rischio piuttosto raro, in quando nelle strutture mediche vengono tenuti sotto stretto controllo sia gli strumenti chirurgici che le bende che verranno utilizzate per coprire l'occhio dopo l'intervento. E' fondamentale, per ridurre il rischio di sviluppare un'infezione agli occhi, utilizzare anche una volta a casa i colliri prescritti dal medico e mantenere l'ambiente circostante pulito e ben areato.

Regressione della vista
Essendo la chirurgia laser agli occhi una tecnica recente, ancora non è possibile stabilire i rischi dell'intervento a lungo termine. Sempre più pazienti però lamentano una progressiva regressione nella vista con il passare degli anni, fino a tornare alla condizione visiva pre-intervento se non più grave. In questi casi si può scegliere di sottoporsi ad un nuovo intervento correttivo, cosa però non sempre possibile.

Sviluppo di un nuovo difetto visivo
L'intervento al laser è mirato e specifico per correggere il singolo difetto visivo. Se un paziente si sottopone all'operazione per risolvere una miopia esiste il rischio che il laser sia troppo efficace e faccia sviluppare nell'occhio il difetto visivo opposto al precedente, in questo caso la presbiopia. Se prima quindi si usavano occhiali per la vista da lontano, potrebbe essere necessario il ricorso ad occhiali per la lettura da vicino e viceversa.

Intervento non riuscito o dall'esito peggiorativo
Uno dei rischi più temuti dai pazienti è che il laser possa non funzionare o danneggiare ulteriormente la vista. Si tratta di un rischio relativamente frequente, gli stessi medici danno indicazione di un 2% di possibilità che si verifichi una di queste due condizioni nel post-intervento. E' possibile tentare con una seconda operazione ma occorre valutare bene i possibili rischi ulteriori.

Lento recupero della cornea
La cornea dovrebbe riuscire a riprendersi dall'intervento laser ed a rigenerarsi in maniera autonoma in un lasso di tempo relativamente breve. Durante questa fase devono essere utilizzati colliri e bendaggi speciali per favorire la cicatrizzazione della cornea. Per alcuni pazienti purtroppo il recupero corneale rischia di essere molto lento e fastidioso, una condizione che non è possibile prevedere in precedenza.

Haze o cicatrice corneale
Se la cornea è particolarmente delicata o l'intervento è stato troppo invasivo, il paziente rischia di sviluppare una cicatrice corneale importante, chiamata Haze. Questo tessuto cicatriziale in eccesso comporta un offuscamento della vista che non può essere corretto con i soli occhiali. Inizialmente si procede con la somministrazione di colliri appositi che dovrebbero riuscire a ridurre il tessuto nel giro di sei mesi, un anno. Trascorso questo tempo, se l'Haze non è scomparso, occorre rimuovere la cicatrice in esubero con un ulteriore intervento laser.

Ectasia
L'ectasia è uno dei rischi più preoccupanti del laser agli occhi. Si tratta infatti di una deformazione progressiva della cornea, dovuta al fatto che essa raggiunge uno spessore troppo sottile dopo l'intervento laser. E' una complicanza molto grave che può comportare problemi seri alla vista, che possono richiedere un intervento di chirurgia oculare di tipo invasivo.

I rischi di un intervento laser agli occhi non sono pochi e non devono essere sottovalutati. Seguire scrupolosamente le indicazioni post operatorie del medico e sottoporsi a controlli regolari riduce notevolmente i rischi di sviluppare una complicanza post-intervento, ma possiamo scoprire le conseguenze dell'operazione laser soltanto dopo averla effettuata.

Occorre valutare bene tutti i pro ed i contro prima di decidere di sottoporsi ad un laser agli occhi, soprattutto se il difetto è di tipo lieve, e chiedere un consulto medico anche a più specialisti per essere sicuri di effettuare una scelta consapevole.

Fonti
Dottor Fabio Longo – medico chirurgo specialista in oculistica
Dottor Francesco Nizzola – specialista in microchirurgia oculare
Servizio Sanitario Nazionale – Ministero della salute

Commenta
13/08/2014

Per saperne di più:


Newsletter

Test consigliato

Ischemia e ictus: sei a rischio?

Test salute

Quiz - Ictus e ischemia

BMI calcolo
Calcola la tua massa grassa
Calcola la tuo peso ideale